Il 2019 dell’auto: le novità, i fatti ed i protagonisti

Mese per mese, ripercorriamo l’anno che si è appena concluso dal punto di vista del comparto automotive: ecco le vicende che lo hanno contrassegnato.

L’Ecobonus, la fusione Fca con Psa; i nuovi programmi in materia di elettrificazione e guida autonoma. E ancora: l’evoluzione dei mercati e le strategie dei big player, le celebrazioni e le ricorrenze. Il 2019 è stato particolarmente “vivo” per la filiera mondiale dell’auto, sempre più orientata ad un futuro eco friendly che si fa via via più vicino. E di episodi clamorosi ce ne sono stati tanti: ecco una carrellata dei fatti salienti che hanno accompagnato gli ultimi dodici mesi.

Riassunto di un anno

  • Gennaio. Il 2019 si è aperto con la notizia dell’Ecobonus ministeriale, e della contestuale Ecotassa, inseriti nella Legge di Bilancio per l’acquisto di vetture aventi emissioni di CO2 inferiori a 70 g/km (due scaglioni: da 70 a 20 g/km, e da 20 a 0 g/km): 60 milioni di euro è la somma di incentivi stanziata per il primo anno. Viceversa, i veicoli che emettono più di 160 g/km di CO2 sono soggetti ad una sovrattassa all’acquisto. Sempre a gennaio, l’opinione pubblica ha assistito all’epocale “stretta di mano” tra Volkswagen e Ford, una “Alliance” – simbolicamente emersa in occasione del Salone di Detroit che ha vissuto la propria ultima edizione invernale: dal 2020, per non rischiare di sovrapporsi con il CES di Las Vegas che è sempre più ambito dai big player per via delle nuove tecnologie di bordo digitali e dei sistemi “intelligenti” di guida autonoma – finalizzata allo sviluppo di nuovi modelli per il segmento veicoli commerciali e pick-up di fascia media, nonché allo studio di strategie congiunte riguardo ad alcuni dei punti fermi per l’attuale asset del comparto automotive, ovvero tecnologie di guida autonoma, servizi per la nuova mobilità, veicoli elettrici, con una reciproca apertura a considerare ulteriori programmi futuri.
  • Febbraio. Arriva in Italia, sancita da un decreto legge firmato congiuntamente dal Ministero dell’Interno e dal Ministero dello Sviluppo Economico, la possibilità di effettuare il rifornimento “fai da te” di metano per autotrazione: un importante traguardo in previsione dell’ampliamento sulle nostre strade di un tipo di alimentazione, quella a gas naturale, che da lunghi anni vede l’Italia occupare un ruolo di primo piano. L’obiettivo stabilito dal decreto è chiaro: offrire maggiore libertà di utilizzo del metano agli oltre 930.000 “metano-automobilisti” attualmente presenti in Italia – oltre un terzo dei quali concentrati nelle regioni di nord est, con in testa l’Emilia Romagna, seguita da Marche e Veneto; nonché ingrandire la fascia di autoveicoli eco friendly. Sul fronte delle nuove strategie, febbraio 2019 ha contrassegnato l’accordo da un miliardo di euro fra Bmw Group e Daimler AG finalizzato allo sviluppo di progetti condivisi in materia di mobilità elettrificata, tecnologie di guida autonoma e servizi “on demand”. A casa nostra, febbraio 2019 ha visto rinnovarsi, con impegno fino al 2023, la ormai ultraquarantennale joint venture Sevel animata da Fca e Psa Groupe: con il senno di poi, un antipasto della “big Alliance” che avrebbe tenuto banco a partire dalnovembre successivo, come vedremo.
  • Marzo. Sempre più SUV, sempre più a basse (o del tutto assenti) emissioni allo scarico: il leit motiv della nuova mobilità fa leva su queste due “voci”. Il Salone di Ginevra 2019 lo ha dimostrato; alla prima grande rassegna europea dell’anno e solamente per indicare due delle novità più eclatanti di Fca, l’attenzione dei visitatori è andata ad Alfa Romeo Tonale, B-SUV che debutterà sul mercato il prossimo anno, e sulla concept Fiat Centoventi, ufficialmente una prefigurazione di vettura “segmento A” 100% elettrica e, da molti, individuata quale eventuale evoluzione “zero emission” di Fiat Panda, Staremo a vedere. A livello politico-normativo, la fine del mese ha visto l’accordo fra Parlamento europeo, Consiglio UE e Commissione europea in materia di sistemi di sicurezza attiva hi-tech attesi a partire dal 2022 a bordo degli autoveicoli (vetture, furgoni, truck & bus) di nuova costruzione: AEB, Active Lane Assist, rilevamento stanchezza o distrazione del conducente, la “scatola nera” (di cui da tempo si discute) che registra in automatico i parametri di funzionamento del veicolo utili alla rapida individuazione, ricostruzione ed attribuzione delle responsabilità nel caso di incidenti stradali; nonché l’”Alcolock” che impedisce l’avviamento del veicolo qualora il conducente abbia alzato il gomito più di quanto consentito dalla legge nazionale. Per restare in ambito di sicurezza stradale, all’inizio del mese Volvo – da tempo impegnata nella propria campagna Vision 2020 che si pone l’obiettivo di giungere, entro due anni, alla totale assenza di vittime (né morti né feriti) nelle proprie autovetture che vengano coinvolte negli incidenti stradali – ha annunciato che dal 2020 tutte le proprie vetture avranno la rispettiva velocità massima limitata elettronicamente a 180 km/h.
  • Aprile. È dell’8 aprile la clamorosa notizia, diramata dal New York Times, di accordo Fca-Tesla in merito all’acquisto di “crediti” dalla factory californiana per abbassare la media delle emissioni di CO2. “Go Electric”: è lo slogan con cui Ford, il 3 aprile, ha annunciato al mondo i propri programmi di elettrificazione, finalizzato al lancio di sedici nuovi modelli ibridi. Chiusura del mese a tinte rosa per gli appassionati di motorsport: il GP d’Italia di F1 a Monza è stato garantito fino al 2024, in virtù di un agreement fra Automobile Club d’Italia (che detiene la proprietà dell’Autodromo brianzolo) e Liberty Media. Capitolo sicurezza: Volvo annuncia l’arrivo di nuovi sistemi predittivi Hazard Light Alert e Slippery Road Alert in cloud, per far sì che  i veicoli che ne saranno equipaggiati abbiano la possibilità di “dialogare” fra loro in tempo reale, per indicare la presenza di eventuali situazioni di potenziale rischio. Mentre in nord Europa si pensa alla sicurezza, da noi l’uovo di Pasqua nasconde un’amara sorpresa: una vera e propria stangata sui prezzi dei carburanti, che proprio nei giorni delle festività sono arrivati a superare i 2 euro al litro nel “servito”.
  • Maggio. La questione della guida “self driving” vede, nella prima metà del mese, un importante traguardo: il “via libera” della Motorizzazione Civile alla sperimentazione dei veicoli a guida autonoma su strade aperte, dopo l’ok arrivato dall’Osservatorio tecnico di supporto per le Smart Road. Parma e Torino sono le prime città interessate. Opel presenta Corsa-e, attesissima declinazione “zero emission” della nuova generazione della segmento B sestseller di Russelsheim. La fine di maggio ha coinciso con una presentazione epocale: il “vernissage” di Ferrari SF90 Stradale, supercoupé benzina-elettrico ricaricabile da 1.000 CV che di fatto concretizza l’adozione del powertrain ibrido “new gen” nella produzione di Maranello. È l’inizio di una nuova era per il Cavallino. Il mondo delle competizioni è in lutto: il 20 maggio, nella Clinica universitaria di Zurigo dove era ricoverato per problemi ai reni, muore Niki Lauda. Il 22 febbraio aveva compiuto 70 anni. L’opinione pubblica segue con estremo interesse la proposta Fca di fusione alla pari con Renault: la notizia tiene banco per diversi giorni; ma non se ne farà niente.
  • Giugno. Il “TomTom Traffic Index”, rapporto annuale redatto dal gruppo leader nelle soluzioni di navigazione multimediale in-car, informazioni sul traffico e mappe stradali, è implacabile: Roma è la città più congestionata d’Italia. Si trova (dati 2018) al 28esimo posto nella graduatoria mondiale delle città più “paralizzate” dal traffico veicolare, davanti a Palermo, Messina, Genova, Napoli e Milano.
  • Luglio. Cinquant’anni fa lo sbarco sulla Luna: un evento epocale, che non abbiamo mancato di affrontare individuando le auto più vendute nel luglio 1969. In Norvegia, fa notizia che un’auto su due è elettrica (nei primi sei mesi di quest’anno, l’incidenza delle nuove immatricolazioni di auto elettriche sul totale immesso in circolazione in Norvegia è stata nell’ordine del 48,4%) pur con numerose riserve: aumenti alle tariffe di ingresso nelle aree urbane, diminuzione di alcuni dei benefit concessi per lo sviluppo della e-mobility (dalla sosta gratuita nei parcheggi alla ricarica “free” delle batterie presso gli “hub” pubblici). Clamoroso “cambio di destinazione”: il Salone dell’Auto di Torino Parco Valentino si terrà, nel 2020, in Lombardia, dal 17 al 21 giugno. Notizia-bomba, anche perché giunta nelle ore in cui a Mirafiori si poneva la “prima pietra” verso la produzione della Fiat 500 elettrica e mentre la stessa Fiat celebrava i 120 anni dalla fondazione. Al Goodwood Festival of Speed la “nuova” De Tomaso compie i primi giri di ruota: si chiama P72, e porta la firma di progetto del team che ha realizzato la hypercar Apollo Intensa Emozione. Oltreoceano, muore a 95 anni Lee Iacocca, uno degli uomini-simbolo dell’industria dell’auto nel 20esimo secolo.
  • Agosto. L’Unione Europea conferma il regolamento UE in materia di sistemi di avviso acustico per le auto ibride plug-in (quando viaggiano in modalità “zero emission”) ed elettriche: si chiama AVAS-Acoustic Vehicle Alert System, e fa capo alla normativa UE n. 1576/2017. Un altro gigante dell’auto se ne va: è Ferdinand Piech, già amministratore delegato del Gruppo Volkswagen e presidente del Consiglio di Sorveglianza di Wolfsburg, scomparso improvvisamente il 27 agosto ad 82 anni. Mentre ad Oxford MINI festeggia la delibera dell’esemplare numero 10 milioni dal 1959, un report del Ministero dell’Interno comunica che, sui dati 2018, Fiat Panda è la vettura più rubata in Italia, davanti a Fiat 500 e Range Rover Evoque.
  • Settembre. Al Salone di Francoforte 2019, che ovviamente segue l’orientamento in chiave elettrificata e hi-tech da parte dei big player, l’attesa nuova generazione di Land Rover Defender fa bella mostra di se. Meno “offroad” e più “SUV” rispetto alla storica “sorella” più anziana, fa discutere gli appassionati. Maserati sugli scudi: il marchio premium di Fca si prepara ad un futuro all’insegna dell’elettrificazione e della guida autonoma. Ore “da brivido” per i possessori di auto storiche a Torino: il decreto operativo sul miglioramento della qualità dell’aria e che vietava la circolazione “h24” alle vetture Euro 0 (comprese le auto d’epoca) ha regalato un weekend di incertezza agli appassionati. Tutto rientrato, comunque: le “veterane”, per bocca dell’assessore regionale all’Ambiente, potranno circolare in deroga, anche a Torino e nei territori dell’hinterland individuati dal decreto regionale. Per restare in materia di attenzione alle emissioni, suscita scalpore il “tweet” di Donald Trump che manifesta il proposito di annullare l’autonomia decisionale, in atto in California da mezzo secolo, sulle emissioni inquinanti.
  • Ottobre. Sotto i riflettori l’ottava generazione di Volkswagen Golf: assente al Salone di Francoforte, dove a tenere banco c’era la nuova ID.3 ad alimentazione elettrica, porta in dote nuovi motori più virtuosi dal punto di vista dell’attenzione alle emissioni e tecnologie di bordo up-to-date. Dopo l’”ufficializzazione” della micromobilità, arrivata a metà luglio con la pubblicazione del decreto legge ad hoc in Gazzetta Ufficiale, arrivano le prime multe comminate ai “conducenti” di monopattini elettrici. Proprio in conclusione del mese, ecco una delle notizie più attese del 2019: il via libera all’accordo di fusione “au pair” tra Fca e Psa Groupe. Le condizioni verranno ratificate nelle settimane successive, e riceveranno firma definitiva a ridosso di Natale. Si prepara il terreno per il quarto Gruppo mondiale per volumi di vendite e terzo, a livello globale, per fatturato. Oltremanica, invece, ecco un potenziale concorrente che abbandona il campo: è James Dyson, che sceglie di non procedere con il piano di sviluppo dell’auto elettrica. A Zuffenhausen, invece, si punta forte anche sulla e-mobility: in poche settimane vedono la luce Porsche Taycan Turbo, Taycan Turbo S e Taycan 4S.
  • Novembre. Settimane di continue piogge, che hanno flagellato gran parte del territorio nazionale, hanno provocato episodi di smottamento, frane e crolli su alcuni dei ponti e viadotti. La zona centro-occidentale della Liguria è, per alcuni giorni, pressoché isolata dall’asse autostradale. Proprio negli stessi giorni, in Gazzetta Ufficiale si pubblicano quattro bandi di gara per la messa in opera di attività di “Monitoraggio strumentale di ponti e viadotti”. Entra in vigore l’obbligo di dotarsi dei dispositivi anti-abbandono per i bambini fino a 4 anni di età: ma l’applicazione delle multe viene rinviata al 6 marzo 2020. Ecco le sette finaliste candidate al premio “Auto dell’Anno 2020”: Bmw Serie 1, Ford Puma, Peugeot 208, Porsche Taycan, Renault Clio, Tesla Model 3, Toyota Corolla. Elon Musk svela l’inedito Tesla Cybertruck al mondo: una gaffe durante il vernissage contribuisce a far parlare di se lo stranissimo (nelle forme) pickup elettrico. A Dearborn, Ford presenta la variante 100% elettrica di Ford Mustang: si chiama Mustang Mach-E, possiede un’immagine SUV ed è, di fatto, il primo modello della gamma “Pony” dell’Ovale Blu a portare in dote la carrozzeria a cinque porte, oltre che ovviamente il powertrain zero emission.
  • Dicembre. Nonostante cifre di vendita tutto sommato positive, e una carriera di produzione ancora giovane (tre anni e mezzo), Fiat 124 Spider esce di scena, così come la “sorella” Abarth 124. Un addio che lascia molti appassionati con l’amaro in bocca. Restando in ambito Fiat-Chrysler Automobiles, il 18 dicembre arriva la firma dell’agreement tra Fca e Psa: una “big Alliance” da 8,7 milioni di autoveicoli all’anno. Proprio nelle ultime ore del 2019, le agenzie di stampa internazionali battono una notizia clamorosa: Carlos Ghosn, ex plenipotenziario Renault-Nissan-Mitsubishi, sarebbe volato da Tokyo alla volta del Libano. Una fine anno… con il botto.

I Video di Motori.it

Osservatorio Mobilità e Sicurezza Continental 2020

Altri contenuti