Su il prezzo della benzina, come nel 2008

Con l'aumento di Shell di 1 centesimo, il prezzo della verde arriva a 1,379 euro al litro, tornando ai livelli del 2008

Continua il trend al rialzo del prezzo dei carburanti, dopo i recenti aumenti praticati da alcune compagnie e dopo l'aumento, avvenuto venerdì scorso, del prezzo del diesel arrivato a 1,224 euro al litro, adesso la benzina fa segnare un ulteriore aumento.  

Secondo i rilevamenti fatti da Quotidianoenergia, con l'aumento di un 1 centesimo al litro della verde deciso da Shell il prezzo della benzina arriva a quota 1,379 euro al litro, arrivando a livelli che non venivano raggiunti dal 2008, precisamente a metà ottobre di quell'anno.  

Gli aumenti sembrano aver preso un po' in contropiede gli osservatori del mercato, dato che le impressioni registrate alcuni giorni fa avevano fatto prevedere un possibile calo dei prezzi alla pompa, stime sovvertite nella giornata di venerdì, quando i prezzi hanno invece cominciato a salire.

Infatti, con il prezzo del greggio arrivato a circa 80 dollari al barile, già nel fine settimana scorso Esso aveva ritoccato i prezzi di 5 millesimi su benzina e diesel, mentre adesso ecco arrivare la scelta di Shell, che probabilmente sarà seguita anche da altre compagnie.

Se vuoi aggiornamenti su SU IL PREZZO DELLA BENZINA, COME NEL 2008 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 01 marzo 2010

Vedi anche

Rc Auto, verifiche da remoto con il tutor: operazione possibile

Rc Auto, verifiche da remoto con il tutor: operazione possibile

Ai 70 anni di Polstrada, il comandante Giuseppe Bisogno annuncia che i controlli sono tecnicamente fattibili; ora occorre aggiornare il CdS.

Lancia: il marchio sarà venduto ai cinesi di GAC?

Lancia: il marchio sarà venduto ai cinesi di GAC?

Indiscrezioni provenienti dai media brasiliani parlano di una possibile cessione di Lancia ai cinesi del colosso GAC.

Salone di Francoforte 2017: non ci saranno Fca, Psa e Nissan

Salone di Francoforte 2017: non ci saranno Fca, Psa e Nissan

Una indiscrezione Web indica che l’IAA 2017 farà a meno di Fca (ma non Ferrari e Maserati), DS e Peugeot, Nissan e Infiniti, Mitsubishi e Volvo.