Carburanti, ecco dove convengono di più

In vista delle vacanze, ecco in quali paesi le tariffe dei carburanti costano meno. A perderci sono soprattutto gli automobilisti del BelPaese

Carburanti, ecco dove convengono di più

di Andrea Barbieri Carones

06 dicembre 2009

In vista delle vacanze, ecco in quali paesi le tariffe dei carburanti costano meno. A perderci sono soprattutto gli automobilisti del BelPaese

In vista delle vacanze, i telegiornali fanno a gara per mostrare gli italiani in coda in macchina: è una sorta di sadismo che prende tutti i giornalisti e – di conseguenza – anche chi viaggia. Fatto sta che evitare una coda o percorrere una strada libera sabato primo agosto o il giorno dopo Natale è diventato più importante che risparmiare sul prezzo del carburante. Che pure è salito ed è risceso con la velocità della luce.

Gli automobilisti danno ancora rilevanza a quanto costa un pieno e, magari, scelgono le proprie vacanze in base alla spesa. In Italia i petrolieri hanno abbassato leggermente il prezzo come per dare un anticipato regalo natalizio a chi guida. Ma il vero regalo natalizio sarebbe poter caricare la propria auto su un treno e andare in vacanza dove la benzina o il gasolio costa meno. Un esempio? Negli Stati Uniti per riempire un serbatoio da 60 litri bastano poco meno di 30 euro, visto che 1 litro di benzina costa in media 46 centesimi di euro. Cose dell’altro mondo, si dirà.

Ma l’altro mondo è anche più vicino di quanto si creda: a pochi chilometri da Trieste, in Slovenia, 1 litro di benzina costa appena 1,13 euro, pressappoco come in Ungheria e in Repubblica Ceca ma più che in Svizzera, dove i fortunati frontalieri della provincia di Como fanno il pieno a Chiasso dove il prezzo supera di poco 1 euro (1,08 per la precisione, come in Spagna e in Grecia). Ci sono poi paesi dove a vincere rispetto alla Penisola è il prezzo del gasolio, che qui costa 1,21 euro: in Lussemburgo costa 90 centesimi, in Spagna 0,98, in Portogallo 1 euro e in Belgio, Finlandia, Austria e Slovenia supera di 3 o 4 centesimi la soglia della cifra tonda.[!BANNER]

Tasse? Domanda sempre più alta? Scarsità di mezzi di trasporto alternativi? Le opinioni dei consumatori italiani di benzina (cioè il 90% dei maggiorenni) sono molteplici e mostrano sempre un certo rancore. Certo, in Norvegia la benzina verde costa 1,52 euro al litro mentre il gasolio si ferma a 1,38. Ma almeno in quel paese non ci son le code a Natale o a Ferragosto e si può partire per le ferie all’orario che si vuole.