Pneumatici per auto elettriche: Continental equipaggia Volkswagen ID.3

La nuova berlina compatta 100% elettrica di Wolfsburg adotta gomme Continental in primo equipaggiamento, invernali ed estive.

Mescole specifiche in grado di offrire una bassa resistenza al rotolamento; disegno della spalla studiato per garantire una minore resistenza aerodinamica; e, in aggiunta, l’apporto della tecnologia anti-foratura. Ecco, in estrema sintesi, gli atout che caratterizzano gli pneumatici che Continental – big player nel comparto automotive, dove è presente con le cinque Divisioni Chassis&Safety, Interior, Powertrain, Tire e ContiTech – fornisce a Volkswagen per il montaggio, in primo equipaggiamento, a bordo della novità ID.3, berlina compatta il cui via alla produzione, avvenuto lo scorso 5 novembre a Zwickau, ha di fatto dato il “disco verde” alla nuova lineup ID. ad alimentazione zero emission.

Nello specifico, le “coperture” scelte dai tecnici di Wolfsburg insieme a Continental per il montaggio su Volkswagen ID.3 fanno riferimento alla gamma di pneumatici estivi EcoContact 6 ed alla “famiglia” di pneumatici invernali WinterContact TS 850 P. Due le misure di cerchio: 18” e 19”.

Le caratteristiche di una gomma per auto elettriche

Come accennato in apertura, alla base delle esigenze richieste dalle Case costruttrici che, nelle rispettive lineup, possiedono modelli ad alimentazione elettrica “new gen” c’è una serie di requisiti essenziali: risparmio energetico, comfort per conducenti e passeggeri, silenziosità di marcia, e resistenza all’usura. Condizioni fondamentali, e strettamente correlate alla e-mobility in quanto funzionali all’efficienza complessiva del veicolo.

In questo senso, evidenzia il produttore tedesco in una nota diffusa in queste ore, per venire incontro alle richieste del comparto auto elettriche – e, nello specifico, di Volkswagen -, i riflettori dei tecnici Continental sono stati puntati su alcune “voci” funzionali all’ottimizzazione della resa del veicolo, anche relativamente agli inconvenienti che possono verificarsi durante la normale guida:

  • Bassa resistenza al rotolamento: condizione fondamentale per contribuire al risparmio di energia e, quindi, aiutare l’autonomia complessiva della vettura elettrica
  • Attenzione alla resistenza aerodinamica: Essendo “silenziose”, le auto elettriche possono tendere ad amplificare nell’abitacolo i fruscii provenienti dall’esterno. Per ovviare a questa “naturale” condizione, i tecnici Continental hanno corredato i fianchi dello pneumatico con un design dedicato, utile alla diminuzione della resistenza aerodinamica della gomma stessa e, di conseguenza, ridurre “Al minimo” la rumorosità su strada, con l’obiettivo di garantire il più elevato comfort per conducenti e passeggeri
  • Tecnologia anti-foratura. Ovvero: i sistemi di alimentazione si evolvono, mentre gli pneumatici restano condizionati dalle caratteristiche della strada. Le forature sono, quindi, sempre in agguato anche se si è al volante di un’auto elettrica. Per questo motivo, gli pneumatici di primo equipaggiamento della nuova Volkswagen ID.3 sono dotati della tecnologia ContiSeal, sviluppata da Continental per sigillare un battistrada danneggiato con forature fino a 5 mm di diametro senza il bisogno immediato di sostituire la gomma. Questo sistema, all’atto pratico, “Sigilla il 90% di tutte le forature, riducendo quindi il rischio di perdita di pressione”, informano i tecnici Continental.

“Last but not least”, la nuova gamma Volkswagen ID. si avvale altresì di un nuovo modulo elettronico “by Continental”, che svolge funzioni di server di bordo. È il sistema ICAS1, progettato per consentire l’aggiornamento da remoto dei sistemi di bordo: una tecnologia dedicata a rendere via via più funzionale l’utilizzo pratico dell’auto elettrica di nuova generazione.

Volkswagen ID.3: immagini di produzione a Zwickau Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Nuova Volkswagen Golf 8

Altri contenuti