Ecclestone: no ai 4 cilindri turbo in F1

Bernie Ecclestone critica fortemente il possibile arrivo in Formula 1, nel 2013, dei piccoli motori turbo a 4 cilindri.

Formula 1: mondiale 2010 da record

Altre foto »

No ai motori elettrici e no ai nuovi motori turbo a 4 cilindri e non alle scuderie "deboli". A dirlo è il patron della Formula 1, Bernie Ecclestone, che ha sottolineato la sua posizione che sarebbe dettata da questioni economiche: "Sono completamente contrario all'avvento - dal 2013 - dei piccoli propulsori turbo da 4 cilindri dato che correremmo il rischio di far correre in pista auto che potrebbero essere alla portata di tutti e non avrebbero nulla di speciale. La conseguenza sarebbe che il pubblico si disaffezionerebbe alla F1 e le televisioni farebbero marcia indietro e annullerebbero - o ridurrebbero - i contratti con il circuito e le scuderie".

Ecclestone ha poi fatto un accenno al fatto che nel circuito mondiale ci sono uno o due team - fra i 12 totali - che forse non dovrebbero nemmeno stare sulla griglia di partenza. "Credo che 10 scuderie sarebbero sufficienti" ha detto. Il riferimento potrebbe essere a Virgin e a HRT che - secondo un'idea condivisa da molti - passerebbero tutta la stagione costantemente in fondo alla classifica.

Per Jean Todt sarebbe invece opportuno ridurre il distacco che separa il circuito di Formula 1 con il settore automobilistico "reale", che negli ultimi anni è invece aumentato a causa della spasmodica ricerca delle prestazioni da parte dei costruttori di monoposto.

Se vuoi aggiornamenti su ECCLESTONE: NO AI 4 CILINDRI TURBO IN F1 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 25 marzo 2011

Vedi anche

Il motorsport dice addio a Mario Poltronieri

Il motorsport dice addio a Mario Poltronieri

Il popolarissimo telecronista della F.1 è scomparso ieri a 87 anni nella sua abitazione di Milano. Una vita a tu per tu con l'automobilismo sportivo.

F1: la Williams conferma il ritorno di Massa

F1: la Williams conferma il ritorno di Massa

Un ritiro che di fatto... non c'è mai stato: per sostituire Bottas approdato in Mercedes, la Williams sigla un contratto con il driver paulista.

Dakar 2017, si conclude con il trionfo Peugeot

Dakar 2017, si conclude con il trionfo Peugeot

Storica tripletta per la 3008DKR nella difficile maratona motoristica