Aro: ci sarà una Suv low cost anti Duster?

Lo dichiarano i dirigenti dell'azienda che ora produce parti per Dacia. I tempi sono maturi per un'alternativa della Suv low cost Dacia Duster

Secondo quanto espresso sulle pagine del quotidiano romeno ZF, il presidente della Landmark, Nicolae Ratiu, detentore del marchio Aro, ha avviato una fase di studio per un revival del marchio, che potrebbe tornare sul mercato anche grazie all'aiuto di alcuni partner internazionali.

Spiega Ratiu, "In nostro possesso ci sono i diritti per tutti i modelli Aro prodotti nel passato. Per il momento, fra le ipotesi c'è la possibilità di iniziare la produzione di pezzi di ricambio per gli esemplari tuttora in circolazione. Oppure potremmo cedere l'utilizzo delle linee di montaggio ad aziende esterne che producono veicoli off road dalle caratteristiche simili alle Aro".

Sulle strade nazionali, ci sono ancora 38.000 esemplari circa di 4x4 Aro ancora in circolazione, e questo spiegherebbe la possibilità di realizzare ex novo parti di ricambio. Riguardo alla costruzione di off road economici a Campulung, l'esempio è... di casa, ovvero la romena Dacia, che con la Duster ha dato il via alla moda del Suv low cost.

Se vuoi aggiornamenti su ARO: CI SARÀ UNA SUV LOW COST ANTI DUSTER? inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 01 settembre 2010

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.