Nuova Bmw M4: dieta al carbonio per l’erede della M3

Attesa per la prima metà del 2014, la nuova Bmw M4, erede della neopensionata M3, si affiderà a carbonio e leghe di alluminio per il corpo vettura.

Nuova Bmw M4: dieta al carbonio per l'erede della M3

Tutto su: BMW Serie 4

di Francesco Giorgi

17 luglio 2013

Attesa per la prima metà del 2014, la nuova Bmw M4, erede della neopensionata M3, si affiderà a carbonio e leghe di alluminio per il corpo vettura.

Più “snella” grazie a un impiego più ampio, e mirato, di materiali leggeri – leghe di alluminio e acciaio, fibra di [glossario:carbonio] – per non essere costretti ad appesantire la meccanica in funzione della potenza (da tempo sul taccuino delle priorità c’è l’adozione di un nuovo 6 cilindri in linea), grazie a un programma tecnologico impostato dai tecnici di Monaco di Baviera, che puntano su nuove tecnologie dei materiali per il futuro di Bmw, anziché affidarsi alla “potenza bruta”; come, in realtà, le ultime versioni della M3 hanno dimostrato di essere.

Queste sono alcune delle ultime indiscrezioni sulla futura Bmw M4, attesa al debutto entro la prima metà del 2014: ed è logico che ora si parlasse della nuova sportiva di media gamma di Bmw (che deriverà dalla imminente Serie 4 Coupé, decisa dal marchio bavarese come famiglia sportiva della nuova Serie 3), dal momento che proprio nei giorni scorsi è arrivata la parola “fine” alla produzione della leggendaria M3.

>> Guarda le immagini ufficiali della nuova Bmw Serie 4 Coupé

Il ricorso al “dimagrimento”, secondo gli ingegneri Bmw e a conferma di quanto avevamo ipotizzato nei mesi scorsi, al momento delle prime indicazioni tecniche riguardo alla Bmw M4, avverrà con l’adozione di pannelli di alluminio e leghe leggere, e nuovi elementi in fibra di carbonio. Quest’ultimo, così come apparso nei mesi scorsi dalle foto – spia che avevamo pubblicato e che mettevano in mostra una nuova e rastremata sezione frontale, piccoli gruppi ottici e le ampie prese d’aria laterali al paraurti anteriore, è apparso in maniera evidente al tetto (soluzione da tempo adottata in Bmw, che debuttò nel 2006 proprio con la M3), in modo da abbassare il [glossario:baricentro] della vettura e garantire, così, una migliore stabilità. Le prime voci di corridoio, riguardo al peso, indicano che la nuova M4 misurerà alla bilancia meno di 1.600 kg.

Sarà, invece, scartato il ricorso a un V6 – come era stato indicato, nei mesi scorsi, al momento delle prime indiscrezioni -, per motivi legati alla distribuzione dei pesi, in favore di un motore a 6 cilindri in linea: una “novità”, questa, che riporta in auge questo tipo di architettura per Bmw Motorsport. Più avanti si saprà se la M4 verrà equipaggiata con due o tre turbocompressori (la potenza, in attesa di ulteriori novità da Monaco di Baviera, dovrebbe essere nell’ordine di 450 CV); confermata, invece, l’adozione di un cambio sequenziale da 7 rapporti a doppia frizione, che potrà essere abbinato (a scelta del cliente) da un comando di tipo manuale.