Lo smartphone che rileva le buche sull'asfato

Il comune di Boston sta sviluppando un'applicazione per smartphone che, se utilizzata in auto, rileva e segnala la posizione delle buche nell'asfalto.

In alcune città italiane sarebbe un successone. O forse sarebbe inutile, visto il pessimo stato dell'asfalto. Ma a Boston funziona: il comune della metropoli più irlandese d'America sta sviluppando un'applicazione per smartphone in grado di rilevare automaticamente le buche nell'asfalto quando l'utente ci passa sopra con l'auto e di inviare automaticamente un rapporto alle autorità che (c'è da giurarci) interverranno nel giro di breve tempo a sistemare il problema.

Questa applicazione, chiamata Street Bump, sfrutta l'accelerometro e il Gps: il primo rileva le forti irregolarità della strada dato che sarà posizionato sul cruscotto mentre il secondo sarà in grado di riportare l'esatto punto in cui si trova il veicolo in quel momento.

Fino a oggi ne è stato creato un prototipo, che è stato testato da un'università del Massachusetts, che potrebbe essere disponibile al pubblico nella seconda parte del 2011. Il problema da risolvere è quello legato ai cavalcavia o alle strade che hanno delle irregolarità "volute" come quelle con i dissuasori di velocità costituiti da piccoli dossi.

Se vuoi aggiornamenti su LO SMARTPHONE CHE RILEVA LE BUCHE SULL'ASFATO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 11 febbraio 2011

Vedi anche

Guida autonoma: Intel crea l

Guida autonoma: Intel crea l'Automated Driving Group

Intel investe sulla guida autonoma e annuncia la nascita di una divisione dedicata che si chiamerà Automated Driving Group.

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

La Casa dell’elica ha dichiarato che lancerà la sua prima vettura 100% a guida autonoma con intelligenza artificiale nel 2021.

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

Massima valutazione per 4 modelli su 9; sempre più netto il divario fra vetture "di serie" e quelle dotate del "safety pack" richiesto da Ncap.