Toyota USA: nuova operazione richiamo

2,3 milioni di Toyota realizzate dalla filiale nord americana richiamate per un difetto al pedale dell'acceleratore

Ancora la Toyota USA, e ancora una volta riguardo il pedale dell'acceleratore. Solo un paio di mesi fa, Motori.it aveva dato la notizia di un maxi richiamo per 3,8 milioni di vetture (fra Toyota e Lexus) prodotte negli stabilimenti nord americani del Gruppo giapponese.

E' di oggi la notizia che la stessa filiale degli Stati Uniti ha ordinato un nuovo richiamo in fabbrica e nelle officine specializzate: in questo caso, si tratta di un non meglio specificato malfunzionamento del pedale dell'acceleratore. L'unico difetto che è dato sapere, è una precoce usura.

Il provvedimento riguarda 2,3 milioni di Toyota. In particolare, i modelli Tundra (dal 2007 al 2010), le maxi SUV Sequoia (dal 2008 al 2010), Corolla, Rav4 (2009 - 2010), Matrix e le prime Highlander prodotte nel 2010.

Il pedale dell'acceleratore di questi modelli, hanno spiegato i dirigenti della Toyota USA, viene realizzato da due aziende fornitrici di parti staccate. I rispettivi nomi non sono stati resi noti, ma è stato comunicato che il difetto riguarderebbe i comandi realizzati da uno dei due fornitori. E, al contrario di quanto avvenuto nei mesi scorsi, all'epoca del primo richiamo, questa volta le comunicazioni ai clienti sembra avverranno in via preventiva.

Non ci sono, così sembra, lamentele in merito, e neppure informazioni valide riguardo a quando iniziano a verificarsi sintomi di usura del comando dell'acceleratore nei modelli richiamati.

I responsabili della Divisione ricambi della filiale USA del Gruppo giapponese hanno osservato che i fornitori non hanno ricevuto alcuna lamentela riguardo a un funzionamento difettoso del pedale dell'acceleratore. In questo caso, però, il problema sembra complicato, perché si tratterebbe, nella peggiore delle ipotesi, di riprogettare il comando dell'acceleratore.

L'impegno da parte della Toyota nel far fronte a questi problemi (3,8 milioni di Toyota richiamate negli Stati Uniti nello scorso autuno; 2,3 milioni in questa seconda "operazione acceleratore") risulta, in ogni caso, sotto gli occhi di tutti. Proprio una decina di giorni fa, è stato comunicato dai vertici del Gruppo che dal 2011 tutta la gamma Toyota (comprese Lexus e Scion) sarà aggiornata nei comandi al pedale del freno.

La modifica consisterà in un sistema di frenata ausiliaria automatica che fermerà la vettura nel caso che si riscontreranno delle temporanee mancanze di funzionamento ai comandi del freno e dell'acceleratore.

In questi giorni, il nuovo sistema è in via di installazione sulla Camry e sulla Lexus ES350. Dal 2011, sarà disponibile su tutta la gamma.

Si tratta, è bene ricordarlo, di una prova di attenzione da parte della Casa nei confronti degli automobilisti. Ogni "operazione richiamo", infatti, costa milioni e milioni di dollari. Per fare qualche esempio: negli ultimi mesi ci sono passate, fra le Case europee, Volkswagen (richiamo per 57 mila vetture equipaggiate con il cambio robotizzato DSG) e, lo scorso Dicembre, anche la Fiat con la Grande Punto.

Se vuoi aggiornamenti su TOYOTA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 22 gennaio 2010

Altro su Toyota

Toyota Camry: un teaser anticipa la prossima generazione
Anteprime

Toyota Camry: un teaser anticipa la prossima generazione

La nuova generazione della world car Toyota Camry abbraccerà uno stile più dinamico e sportivo.

Toyota C-HR, elogio della personalità
Ultimi arrivi

Toyota C-HR, elogio della personalità

Estetica "da prototipo", doppia motorizzazione che strizza l’occhio all’ibrido e trazione integrale. La crossover-coupé giapponese sguinzaglia le proprie armi con doti dinamiche sorprendenti.

Toyota: nel 2020 una nuova gamma elettrica extended range?
Ecologiche

Toyota: nel 2020 una nuova gamma elettrica extended range?

Rumors dal Web indicano che il colosso giapponese svilupperà, in tempo per le Olimpiadi di Tokyo, una gamma zero emissioni ad autonomia elevata.