Ginevra 2012...le novità che puntano a grandi numeri

Crisi in Europa d'accordo, ma le Case non rinunciano alle novità da grandi numeri, almeno nelle speranze.

Peugeot 208 - Ginevra 2012

Altre foto »

Qualli sono le novità presentate al Salone di Ginevra 2012 che aspirano a diventare leader o almeno protagonisti nelle vendite dei rispettivi segmenti? Sbagliare mossa in tempi di crisi significa per qualcuno rischiare grosso, in un mercato auto ancora condizionato dalla recessione dell'Europa, che ha capacità produttiva in eccesso e margini ridotti. Vediamo in dettaglio i prodotti che hanno gli obiettivi di vendita più ambiziosi.

Peugeot 208: la scommessa del Leone

Peugeot è alle prese con la peggiore crisi della sua storia recente. Varin non nasconde che sulla 208 ricade il peso di un risanamento necessario, anzi indispensabile. Ce la farà la piccola del Leone a sostenere con successo un ruolo così importante?

La Peugeot 208 si affida ad uno stile pulito, meno vistoso di quello della 207, niente nasi prominenti, bocche aggressive, il leone sul cofano torna a dimensioni più contenute. E' anche un poco più corta (7 cm.) e più leggera (110 kg), in controtendenza rispetto all'aumento di dimensioni delle compatte del segmento B.

Il nuovo modello punta decisamente sul richiamo evocativo della 205, grande successo degli anni 80, specie nella versione 3 porte che ha un fregio sul montante che è un esplicito richiamo nal passato, e ancor di più con la concept - di certa, prossima produzione - della GTI.

La motorizzazione base della 208 è affidata - come per le analoghe Volkswagen e Ford - all'ormai immancabile mille tre cilindri, anche in versione milledue, e ai diesel 1.4 e 1.6. Gli interni gradevoli e ben finiti, una gamma ricca di allestimenti e motorizzazioni, in futuro  anche ibride, completano gli hatù della piccola del Leone.

Insomma fondate speranze che la 208 possa dare grosse soddisfazioni e raggiungere gli obiettivi.

Fiat 500L: lo spazio diventa trendy

La 500L è una novità importante nella nuova gamma Fiat, perché apre la famiglia delle 500 ad un mercato potenzialmente ricco dal quale era fuori dopo l'uscita di scena della Multipla, della Idea e, prossima, della Lancia Musa. Per farlo punta su una formula stilistica a metà tra monovolume e crossover, che strizza l'occhio all'accattivante Mini Countryman, come si può vedere nelle foto live da Ginevra.

In effetti il posto che prenderà la Fiat 500L è più vicino di quello che non sembri a quello che sta per lasciare la Musa. Compatta ma trendy - come una 500 -,  così come la Musa aveva surclassato la gemella Fiat Idea nelle vendite proprio per il fascino della distinzione.

Quindi quando la Fiat 500L affronterà il mercato, dopo le ferie estive, il suo mercato potenziale potrà aspirare a 200.000 esemplari all'anno e forse anche superarli. E in effetti le pur interessanti Ford B Max, Opel Meriva, Citroen C3 Picasso non dovrebbero insidiare più di tanto il mercato della Cinquecentona, che ha dalla sua una personalità spiccata e simpatica, interni gradevoli e allegri in stile nuova Panda, meccaniche avanzate, in particolare con il TwinAir bicilindrico 0,9 a benzina (scelta controcorrente rispetto alla moda del tre cilindri da 1 litro dei concorrenti) e il brillante 1,3 Multijet diesel.

Con la XL, versione allungata a 7 posti che seguirà il prossimo anno, allargherà ulteriormente il suo mercato potenziale, entrando in concorrenza, con i monovolume medi - Ford C Max, Opel Zafira Tourer - e con i crossover compatti. La Fiat 500L sarà commercializzata sul mercato americano e anche lì potrebbe costituire una sorpresa, dopo la falsa partenza della 500.

Audi A3: cambia per restare al vertice

La nuova Audi A3 2012, per ora nella versione a tre porte, ha linee più tese, pulite ed eleganti come al solito, e come al solito anche troppo somiglianti alle altre auto della casa degli anelli. Avrà la versione a 5 porte, una berlina a quasi tre volumi, già anticipata con la concept di Francoforte, un coupè, un cabrio.

Anche in questo caso gamma ampia per motorizzazioni - da 1.2 a 2.0 i benzina, da 1,6 a 2.0 i diesel , allestimenti e con infinite possibilità di personalizzazione. Nel 2013 al debutto una versione emissioni zero E tron. Inoltre, la nuova A3 pesa 80 kg meno della precedente e vanta consumi da record.

Insomma non stupisce, ma sembra proprio quello che ci aspettava, il che per un marchio di successo come Audi è una promessa di nuova affermazione.

Mercedes Classe A: ora è più sportiva

Mercedes invece con la nuova Classe A 2012, ha rotto decisamente col passato. Il monovolume compatto della serie precedente ha lasciato il posto ad una due volumi che si pone in diretta concorrenza più che con l'A3 con la più grintosa Bmw Serie 1.

Ha uno stile aggressivo col muso lungo e la bocca pronunciata, decisamente un'immagine più aggressiva, meno formale, rispetto alle Mercedes più recenti. Certamente destinata ad una clientela più giovane di quella tradizionale della stella.

Non a caso nello stand di Ginevra tra le Classe A esposte il posto d'onore era per la versione con il kit Sport, pieno di particolari (cerchi, assetto, pinze freni a vista, interni) che rimarcavano l'aggressività della vettura.

Anche in questo caso seguirà alla due volumi un'ampia articolazione di gamma, ma questa Mercedes Classe A è decisamente nuova per lo stile della casa tedesca. Motori diesel da 1,5 a 1,8, benzina da 1,6 a 2,0, tutti turbo.

Volvo V40: la prima della nuova gestione

Ultima aspirante, in questo caso ad un rilancio, la Volvo V40. Primo prodotto della nuova proprietà cinese, la V40 abbandona la distinzione tra berlina e station per una crossover - sport wagon la definisce Volvo -  che sostituisce in gamma il ruolo lasciato libero dalla sfortunata C30 a due volumi e si pone in concorrenza con le compatte del segmento C di alto di gamma, come Golf, Giulietta, A3.

In realtà per dimensioni e scelta di stile la Volvo V40 assomiglia più ad una Lancia Delta, che non alle più compatte Giulietta e Golf e punta per differenziarsi dalle numerose concorrenti sulle dotazioni di sicurezza avanzate, come un airbag salvapedoni alloggiato nel cofano che copra parabrezza e montanti, un sistema anticollisione, un rilevatore di pedoni, un visore sul cruscotto che segnala i limiti di velocità e così via.

Di quelle viste è la scommessa più complessa; in Europa non credo otterrà risultati eclatanti, ma certo potrà contare sul ricco mercato cinese e chissà che non piaccia agli americani.

 

Se vuoi aggiornamenti su GINEVRA 2012...LE NOVITÀ CHE PUNTANO A GRANDI NUMERI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Fabrizio Brunetti | 15 marzo 2012

Vedi anche

Alfa Romeo: lo Stelvio Quadrifoglio contro tutti

Alfa Romeo: lo Stelvio Quadrifoglio contro tutti

In attesa di una prova su strada, ecco un confronto basato sui numeri tra l’Alfa Romeo Stelvio e i suoi principali concorrenti.

Le auto elettriche possono essere pericolose?

Le elettriche possono avere dei rischi

Le auto elettriche producono campi elettromagnetici che possono risultare pericolosi per i passeggeri?

FCA US: il fallimento delle compatte americane

L'opinione

Dodge Dart e Chrysler 200 chiudono anticipatamente una sfortunata carriera; la Chrysler 100 addirittura non è mai nata; è una sconfitta definitiva?