Ford Focus RS 2015: l’integrale arriva a Ginevra

Debutta alla kermesse svizzera la nuova generazione della Focus RS, forte di un motore turbo da 320 CV e di una inarrestabile trazione integrale.

Ford Focus RS 2015: l’integrale arriva a Ginevra

di Francesco Donnici

05 marzo 2015

Debutta alla kermesse svizzera la nuova generazione della Focus RS, forte di un motore turbo da 320 CV e di una inarrestabile trazione integrale.

Ford ricalca la sua vocazione sportiva proponendo al Salone di Ginevra la nuova Focus RS 2015, seconda generazione della due volumi di medie dimensioni dal carattere “racing” firmata dalla Casa dell’Ovale blu. Rispetto alla versione che sostituisce, la nuova Focus RS fa decisamente un passo in avanti, sia dal punto di vista estetico, ma soprattutto sul lato tecnico e meccanico.

Osservando bene la “RS” non si può fare a meno che apprezzare la “cattiveria” espressa dal corpo vettura che si distingue per l’aggressivo frontale dotato di una grande mascherina a nido d’ape che lambisce il paraurti di nuovo disegno, completo di splitter e prese d’aria di maggiori dimensioni. Non mancano le [glossario:minigonne] accentuate e il set di cerchi in lega da 19 pollici di colore nero, avvolti da pneumatici ad alte prestazioni da 235/35, prodotti dalla Michelin. La parte estetica che colpisce maggiormente è comunque la vista posteriore, enfatizzata dalla presenza di una grande ala [glossario:aerodinamica] posizionata all’estremità superiore del lunotto e l’estrattore d’aria chiamato ad ospitare i due scarichi sportivi posizionati lateralmente.

L’aggressività degli esterni viene riportata in modo decisamente più sommesso nell’abitacolo: la plancia risulta infatti praticamente identica a quella delle Focus “tradizionali”, ad eccezione della strumentazione supplementare (pressione e temperatura dell’olio e pressione del turbo) posizionata nella zona superiore della consolle centrale. Non mancano però elementi decisamente “corsaioli” come gli splendidi sedili con poggiatesta integrati firmati dalla Recaro, la pedaliera in alluminio e il volante rivestito in pelle e con fondo piatto.

La parte più “succulenta” di questa vettura si nasconde però sotto il cofano anteriore, dove troviamo il 2.3 litri EcoBoost – il medesimo utilizzato sulla Mustang “europea” – capace di sprigionare una potenza di ben 320 CV, gestiti da una trasmissione manuale a sei rapporti e scaricati sulla trazione integrale, una vera e propria novità su questa vettura.

No votes yet.
Please wait...