Tesla Model X: richiamo per 2.700 esemplari

Tesla richiama 2.700 Model X per un difetto ai sedili posteriori della terza fila, i quali potrebbero scorrere in avanti in caso d’incidente.

Tesla Model X: richiamo per 2.700 esemplari

di Giuseppe Cutrone

12 aprile 2016

Tesla richiama 2.700 Model X per un difetto ai sedili posteriori della terza fila, i quali potrebbero scorrere in avanti in caso d’incidente.

Tesla ha avviato una campagna di richiamo per 2.700 esemplari della Tesla Model X distribuiti in Europa e in America a causa di un difetto della terza fili di sedili, che in caso d’incidente potrebbe cedere scivolando pericolosamente in avanti.  

Il problema, secondo quanto spiegato da Tesla, è stato evidenziato da una prova richiesta dalle autorità europee per la sicurezza. Analoghi confronti condotti con le regole in vigore negli USA non avevano evidenziato invece alcuna criticità, ma il costruttore di Palo Alto ha deciso di intervenire ugualmente richiamando tutti gli esemplari di Tesla Model X prodotti prima del 26 marzo scorso nello stabilimento di Fremont. 

I sedili della terza fila diventati oggetto del richiamo sono prodotti da Futuris, una società di Melbourne controllata da Clearlake Capital che si occuperà di coprire interamente i costi dell’operazione. 

L’intervento sulle Tesla Model X coinvolte consisterà nella sostituzione degli schienali dei sedili con delle controparti modificate e durerà circa un paio d’ore. I clienti saranno avvisati tramite i consueti canali informativi e il tutto dovrebbe completarsi entro la metà di maggio.