Benzina: il prezzo sale. E l'Antitrust indaga

L'Antitrust vuole verificare il motivo per cui il prezzo della benzina salga a quseti ritmi. Indagine anche sulle "pompe bianche".

L'Antitrust ha iniziato un'indagine conoscitiva per capire il motivo per cui il prezzo di benzina e gasolio, in Italia, abbia raggiunto livelli sopra la media europea e capire anche come fare per rendere più aperto alla concorrenza il mercato della distribuzione, a vantaggio degli utenti.

Secondo l'autorità - ma anche secondo la sensazione di molti automobilisti - è che in questo mercato ci sia una sorta di oligopolio, dove i pochi attori riescono a controllare le tariffe che, in molti Paesi del mondo, prendono come riferimento le quotazioni Platts.

Nell'indagine, effettuata in collaborazione con il Nucleo Tutela Mercati della Guardia di Finanza, si valuterà anche l'impatto delle pompe senza marchio che potrebbero accrescere la concorrenza, permettendo agli automobilisti di fare rifornimento di carburante a prezzi inferiori.

Il mercato sarà fotografato in ogni sua parte, analizzando come poter allargare la presenza di tali "pompe bianche" sul territorio nazionale individuando i motivi che ne ostacolano lo sviluppo, capendo inoltre come siano strutturati e affidabili i loro canali di fornitura.

Se vuoi aggiornamenti su BENZINA: IL PREZZO SALE. E L'ANTITRUST INDAGA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 28 marzo 2011

Vedi anche

Rc Auto, verifiche da remoto con il tutor: operazione possibile

Rc Auto, verifiche da remoto con il tutor: operazione possibile

Ai 70 anni di Polstrada, il comandante Giuseppe Bisogno annuncia che i controlli sono tecnicamente fattibili; ora occorre aggiornare il CdS.

Lancia: il marchio sarà venduto ai cinesi di GAC?

Lancia: il marchio sarà venduto ai cinesi di GAC?

Indiscrezioni provenienti dai media brasiliani parlano di una possibile cessione di Lancia ai cinesi del colosso GAC.

Salone di Francoforte 2017: non ci saranno Fca, Psa e Nissan

Salone di Francoforte 2017: non ci saranno Fca, Psa e Nissan

Una indiscrezione Web indica che l’IAA 2017 farà a meno di Fca (ma non Ferrari e Maserati), DS e Peugeot, Nissan e Infiniti, Mitsubishi e Volvo.