De Tomaso potrebbe produrre a Termini Imerese

La nuova De Tomaso di Rossignolo potrebbe realizzare tre modelli nello stabilimento di Termini Imerese già dalla fine del 2011

De Tomaso potrebbe produrre a Termini Imerese

di Andrea Barbieri Carones

19 novembre 2010

La nuova De Tomaso di Rossignolo potrebbe realizzare tre modelli nello stabilimento di Termini Imerese già dalla fine del 2011

Nella complessa vicenda del destino dello stabilimento Fiat di Termini Imerese, vicino Palermo, si apre uno spiraglio che probabilmente porterà il sorriso a molti dipedenti.

Nessuna certezza, ma c’è la possibilità che l’impianto ospiti la produzione della nuova De Tomaso, guidata da Gian Mario Rossignolo. La proposta, infatti, sembra trovare d’accordo sia le istituzioni locali, sia quelle nazionali.

Il progetto potrebbe addirittura partire entro la fine del 2011, quindi prima del disimpegno di Fiat, previsto entro il 31 dicembre dello stesso anno.

Proprio qui potrebbe prendere corpo la prima vettura della nuova azienda, che sarà presentata in primavera al Salone di Ginevra sotto forma di concept car.

Fra le cose positive c’è anche il fatto che non ci saranno esuberi tra i lavoratori – come garantito dall’imprenditore torinese – anche se la quantità di auto prodotte sarà ben diversa da quella attuale visto che si fermerà a 8.000 unità l’anno quasi equamente distribuite tra il modello SUV (3.000), la berlina di lusso (3.000) e la coupé (2.000).[!BANNER]

E i sindacati? Non si sbilanciano, anche se sotto sotto c’è soddisfazione: “Le parole del ministro dello Sviluppo, Paolo Romani, sulla proposta dell’imprenditore Rossignolo aprono spazi più concreti sulle prospettive dello stabilimento Fiat di Termini Imerese” ha detto il segretario della Fiom siciliana.

Il leader della Cgil Susanna Camusso ha invece  ribadito “la necessità di affrontare il problema dell’indotto e della manodopera, soprattutto quella giovanile”.