Milano: il Pm10 ha di nuovo superato il livello di allarme

Ieri le centraline di rilevazione dell'Arpa hanno evidenziato una nuova impennata del Pm10. A Torino e Napoli una domenica senz'auto

Pm10: Milano torna sopra il livello di allarme. Le centraline di rilevazione dell'Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) hanno rilevato, ieri, una concentrazione di Pm10 fra i 74 e i 104 microgrammi per metro cubo.

Come dire: valori quasi raddoppiati rispetto alle rivelazioni effettuate sabato, che avevano evidenziato un deciso calo nella presenza di Pm10 dovuto anche alla nevicata dei giorni scorsi che ha interessato l'area metropolitana e dell'hinterland.

Nel dettaglio, i valori riscontrati dalle centraline sono stati di 107 mg/m3 in via Senato e 88 al Verziere (centro città); 74 alla Città Studi. Ad Arese, il livello di Pm10 ha toccato i 70 mg/m3, a Pioltello i 68.

Per lo smog, dunque, Milano ha guadagnato la maglia nera. La situazione, infatti, è stata migliore in altre città, nelle quali la concentrazione di polveri sottili si è mantenuta al di sotto dei 50 microgrammi per metro cubo imposti dalla Comunità Europea. Diversa la situazione a Monza, Como, Cremona e Lodi: le centraline hanno evidenziato una concentrazione di Pm10, rispettivamente, di 57, 51, 56 e 65 mg/m3.

Le ultime parole famose

Sono state quelle pronunciate sabato mattina dal Vicesindaco di Milano, Riccardo De Corato. Il vice di Letizia Moratti, a proposito dell'allarme smog che ha colpito gran parte del centro - nord Italia, aveva indicato l'altro ieri che "Le concentrazioni di Pm10 si sono mantenute al di sotto della soglia. Per tutta la settimana, i valori sono stati inferiori rispetto a quelli dei giorni precedenti".

I dati esposti da De Corato indicavano che, da lunedì a venerdì, la media delle concentrazioni di Pm10 era stata di 68 mg/m3, contro i 95 della settimana precedente.

"Martedì scorso, addirittura, i valori si sono mantenuti al di sotto della soglia limite di 50 microgrammi - aveva fatto presente il numero due di Palazzo Marino - Segno che l'Ecopass ha dato i suoi primi effetti positivi".

La situazione, tuttavia, ieri sembra essere peggiorata. Non resta che attendere le prossime ore, per conoscere quali saranno le nuove rilevazioni delle centraline dell'Arpa.

Tutti a piedi a Torino e a Napoli

La giornata di ieri ha riguardato il blocco del traffico in altre due grandi città italiane: Torino e Napoli. Nel capoluogo piemontese (e nei Comuni metropolitani di Grugliasco, Moncalieri e Nichelino), che ha dichiarato guerra agli autoveicoli Diesel Euro 2, la domenica senz'auto è durata 8 ore, dalle 10 alle 18, con il permesso di circolazione solo per i veicoli alimentati a GPL e metano.

Il blocco alla circolazione è stato deciso giovedì a causa del fatto che a Gennaio, per venti giorni consecutivi, le centraline di rilevazione dell'inquinamento atmosferico hanno evidenziato un costante superamento del limite massimo di 50 microgrammi per metro cubo imposti dalla Comunità Europea.

A Napoli, lo stop al traffico è rimasto in vigore dalle 9,30 alle 13 di ieri, ma più che per una emergenza oggettiva, ha riguardato le manifestazioni cittadine previste dalla "Giornata della vita" organizzata dalla Curia.

Se vuoi aggiornamenti su MILANO: IL PM10 HA DI NUOVO SUPERATO IL LIVELLO DI ALLARME inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 08 febbraio 2010

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.