Terremoto in Giappone: fermata la produzione auto

La decisione è stata presa in seguito ai terremoti della scorsa settimana.

La notizia dei due forti terremoti di 6.4 e 7.3 gradi della scala Richter che hanno colpito l'isola sud-occidentale di Kyushu durante la scorsa settimana, uccidendo almeno 42 persone, è stata riportata dai principali organi d'informazione in tutto il mondo.

Chiaramente, entrambi i terremoti hanno causato enormi danni alle infrastrutture urbane nella città di Kumamoto, con la distruzione di edifici, strade e ponti. Così, i principali produttori di auto giapponesi hanno cessato la produzione a seguito dei danni causati dal sisma.

Al momento, Toyota, Honda e Nissan hanno già fermato la produzione presso gli impianti in Giappone. Toyota fermerà le operazioni dei suoi impianti di assemblaggio nel paese per circa una settimana.

La Nissan ha fermato la produzione presso lo stabilimento di Fukuoka, dove vengono assemblate auto come Serena, Teana, Murano, ed altri modelli degni di nota, ma si prevede una ripresa delle operazioni già da oggi.

Non è la prima volta che un evento naturale si riflette sulla produzione automobilistica del Sol Levante, dove la grande organizzazione ha sempre consentito ai Brand più noti di ripartire di slancio.

Se vuoi aggiornamenti su TERREMOTO IN GIAPPONE: FERMATA LA PRODUZIONE AUTO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 18 aprile 2016

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.