Fiat: niente richiamo per Grand Cherokee e Liberty

Nonostante la richiesta della NHTSA, Fiat-Chrysler ha deciso di non richiamare 2,7 milioni di Grand Cherokee e Liberty in quanto ritenute sicure.

Fiat: niente richiamo per Grand Cherokee e Liberty

Tutto su: Jeep

di Giuseppe Cutrone

05 giugno 2013

Nonostante la richiesta della NHTSA, Fiat-Chrysler ha deciso di non richiamare 2,7 milioni di Grand Cherokee e Liberty in quanto ritenute sicure.

Pare delinearsi una sorta di braccio di ferro tra il gruppo Fiat-Chrysler e la National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA), l’agenzia USA per la sicurezza stradale che ha invitato il costruttore a richiamare 2,7 milioni di Jeep a causa di scelte progettuali ritenuti dall’ente potenzialmente pericolose.

>> Guarda le immagini della nuova Jeep Grand Cherokee 2014

Oggetto della questione sono gli esemplari di Jeep Grand Cherokee prodotte dal 1993 al 2004 e di Jeep Liberty realizzate dal 2002 al 2007, in un periodo in cui la casa americana non era collegata a Fiat.

Secondo la NHTSA, la scelta del costruttore, che ha posizionato il serbatoio del carburante dietro l’asse posteriore, potrebbe causare dei rischi per la sicurezza in caso di incidente e, per tale motivo, si renderebbe necessario uno specifico richiamo.

La risposta di Fiat-Chrysler non si è fatta attendere ed è arrivata tramite una lettera di risposta all’Ente americano in cui lo stesso Sergio Marchionne parla di “conclusioni basate su analisi incomplete”.

Il gruppo di Detroit non condivide pertanto le affermazioni della NHTSA, in quanto considera i propri veicoli sicuri e perfettamente rispondenti alle normative per la sicurezza previsti dai Federal Motor Vehicle Safety Standards, comprese le specifiche FMVSS 301 riguardanti l’integrità del sistemi di alimentazione.

In base a queste considerazioni, Fiat-Chrysler ha spiegato chiaramente che non ha intenzione di richiamare i veicoli interessati, pur precisando la disponibilità a proseguire la collaborazione con la NHTSA fornendo tutti i dati necessari affinché venga riconosciuta la sicurezza delle Grand Cherokee e Liberty finite sotto accusa.