Prezzo benzina, nuovo record a 1,64 euro

Dopo 10 giorni di calma, gli aumenti della verde effettuati dalla compagnia Ip hanno fatto registrare un nuovo record storico a 1,64 euro.

La benzina verde supera la soglia dei 1,64 euro a litro, segnando un nuovo record storico che si ripercuote inesorabilmente contro gli automobilisti, in particolare su quelli che hanno programmato di spostarsi in automobile  durante le "agognate" feste estive.

 Secondo le rilevazioni di Staffetta Quotidiana, la compagnia Ip ha aumentato di un centesimo sia la verde, che è ora a quota 1,641, che il gasolio arrivato a quota 1,523 euro/litro. Gli aumenti  hanno alzato la media nazionale delle varie compagnie a quota 1,624 euro per la verde e 1,507 euro per il gasolio, arrivano come un fulmine a ciel sereno dopo un periodo di tregua durato circa una decina di giorni .

L'autorevole Quotidiano Energia ha rilevato inoltre che a secondo delle zone italiana dove c'è più o meno concorrenza si calcolano picchi massimi e minimi con un ampio scarto che arriva addirittura a 10 centesimi il litro. La benzina più a buon mercato rimane quella ovviamente dei distributori no-logo che hanno fatto segnare 1,547 euro a litro per la verde, mentre il costo del GPL  va da un massimo di 0,718 euro di Eni ad un minimo di 0,715 euro delle compagnie no-logo.

Se vuoi aggiornamenti su PREZZO BENZINA, NUOVO RECORD A 1,64 EURO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 26 luglio 2011

Vedi anche

Gruppo FCA: per il ministro del Delrio i diesel sono in regola

Gruppo FCA: per il ministro del Delrio i diesel sono in regola

Il Ministro dei Trasporti Delrio, in un audizione alla Camera ha voluto mettere fine alla polemica tra la il Governo tedesco e FCA.

FCA: utile record di 1,8 miliardi nel 2016

FCA: utile record di 1,8 miliardi nel 2016

Tra i marchi Jeep ha avuto un aumento del 9%

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

L’eletto presidente repubblicano incontra i vertici Fca, Ford e General Motors: al primo posto la difesa del lavoro negli Stati Uniti.