Mitsubishi Mirage: piccola ed ecologica

Con 4,1 l/100 km/h è l’auto più ecologica venduta negli Stati Uniti, ibride escluse.

Mitsubishi Mirage: piccola ed ecologica

Tutto su: Mitsubishi

di Valerio Verdone

29 marzo 2013

Con 4,1 l/100 km/h è l’auto più ecologica venduta negli Stati Uniti, ibride escluse.

La Mitsubishi sbarca in America con una piccola ambiziosa, la Mirage, da noi venduta con il nome di Space Star, che si contraddistingue per i consumi contenuti e le dimensioni compatte capaci di renderle facile la vita in città. Certo, tra i pick-up e i grandi SUV made in USA non sarà semplice farsi largo, ma come la Fiat 500 insegna, in America c’è spazio per tutti e c’è anche chi apprezza le citycar.

>> Guarda la gallery della Mitsubishi Space Star 2013

Così, la Mitsubishi gioca la carta della Mirage per sedersi al grande tavolo del mercato americano e punta tutto sui consumi, su una dotazione di primo livello anche per la versione base e su una sicurezza curata sotto ogni punto di vista. Infatti, la piccola citycar a 5 porte, oltre ad essere pratica, consuma veramente poco, solamente 4,1 l/100 km, un risultato da record tra le auto a benzina non ibride vendute oltre oceano. Inoltre, già dall’allestimento d’accesso, denominato DE, vanta il climatizzatore automatico, l’autoradio con porta USB e ingresso per iPod, e tutti i sistemi di sicurezza attiva e passiva, dall’ESP, all’assistenza nelle partenze in salita, fino ai 7 airbag.

Se la linea è semplice, pulita e filante, non vuol dire certo che sia banale, tutt’altro, è il frutto di uno studio mirato da cui origina un Cx di appena 0,28. Questo particolare, unito alle qualità del 3 cilindri da 1,2 litri capace di erogare 80 CV, e all’indicatore che avvisa il conducente quando sta attuando una condotta di guida ecologica, consente di ottenere consumi decisamente contenuti.

Disponibile con un cambio manuale a 5 marce, o con una trasmissione automatica CVT, che sarà senza dubbio il più apprezzato in America, la Mirage è pronta ad affrontare la sfida a stelle e strisce puntando sulla sua concretezza e sui suoi contenuti tecnici che, senza affidarsi a tecnologie costose e complicate, le consentono di essere competitiva in diversi aspetti.