Sicurezza: l'IIHS mette i fari sotto esame

Test (ma nelle normative Usa) dell'Insurance Institute for Highway Safety. La migliore è Toyota Prius con fanaleria Led e High beam Assist.

Toyota Prius al Salone di Francoforte 2015

Altre foto »

Il concetto di sicurezza viene tenuto nella massima considerazione da parte di tutte le Case auto: lo dimostrano le indicazioni che provengono dall'Ncap, sempre più rigoroso nella dotazione di dispositivi di protezione per l'ottenimento delle "cinque stelle". Tuttavia, non tutti gli organismi di controllo utilizzano lo stesso metro di valutazione: negli Usa, ad esempio, l'IIHS (Insurance Institute for Highway Safety) rivolge la propria attenzione anche sugli elementi più "visibili" da parte dei consumatori. Come la fanaleria, che in questi giorni è stata sotto esame da parte dei tecnici dell'Ente privato con sede in Virginia. Un approccio più "pragmatico", dunque.

D'altro canto, anche in virtù deelle più recenti tecnologie che riguardano i sistemi di illuminazione automotive (fari adattivi, Xeno, tecnologia Led, soltanto per citare alcuni dei tipi di fanaleria di nuova generazione), i gruppi ottici costituiscono il primo accessorio indispensabile per la sicurezza di marcia: e può testimoniarlo chi si sia trovato, all'improvviso, con una lampada bruciata oppure con l'auto in "panne": niente più luce, niente più possibilità di proseguire il percorso.

In queste ore, l'IIHS pubblica i risultati di uno studio condotto recentemente su un'ampia gamma di autovetture, e appartenenti ai più disparati segmenti: 31 modelli, che vengono equipaggiati con diverse tecnologie di illuminazione: anche più di una per alcune vetture, tanto che alla fine i test sono stati ben 82. Il report è stato redatto dall'Insurance Institute for Highway Safety sulla scorta dei risultati ottenuti in una serie di test su strada.

Per la valutazione, le autovetture sono state testate, dopo il tramonto, lungo i tracciati di proprietà dello stesso IIHS e che servono alle prove di sicurezza che l'Istituto con sede in Virginia attua periodicamente. Uno speciale dispositivo aveva il compito di misurare il fascio luminoso proveniente dai fari anabbaglianti e dagli abbaglianti, nei cinque differenti approcci di marcia: veicolo lungo un tratto di strada rettilineo, curva stretta a sinistra, curva stretta a destra, curva più ampia a sinistra e a destra. Sulla scorta della valutazione rispetto a un "proiettore ideale" studiato dai tecnici IIHS è stata stilata una "classifica di illuminazione".

Fra i "buoni", i "cattivi" e i "così - così" (ricordiamo che i parametri nordamericani sono differenti da quelli europei), spicca il risultato ottenuto dalla nuova Toyota Prius MY 2016 equipaggiata con la fanaleria Led opzionale e sensore luci abbaglianti "High-Beam Assist": in termini pratici, la visibilità ottenuta dalla nuova "compatta" di Toyota è stata giudicata sufficiente per individuare gli ostacoli in tempo e arrestare la vettura da una veloictà di 70 miglia all'ora (112 km/h), mentre una vettura di pari classe equipaggiata con le "tradizionali" lampade alogene - indicano gli ingegneri dell'IIHS - dovrebbe viaggiare a una velocità di 20 miglia all'ora inferiore per evitare un incidente.

Per contro, la categoria che ha ottenuto la maggior parte dei risultati "negativi" ha riguardato ben 44 tipi di fanaleria, e tutte di tipo "tradizionale". Secondo IIHS, le lampade alogene montate a bordo di Bmw Serie 3 sarebbero le meno efficaci (per evitare l'ostacolo e fermarsi in tempo non si dovrebbe andare a più di 35 milgia all'ora, cioè circa 56 km/h), mentre la stessa vettura risulta più pronta alla reazione se equipaggiata con il sistema adattivo a Led e High - Beam Assist.

Di seguito i risultati nel report di IIHS.

Buono : Toyota Prius MY 2016.

Accettabile : Audi A3, Honda Accord, Infiniti Q50, Lexus ES, Lexus IS, Mazda6, Nissan Maxima, Subaru Outback (dopo novembre 2015), Volkswagen CC, Volkswagen Jetta, Volvo S60.

Medio : Acura TLX, Audi A4, Bmw Serie 2, Bmw Serie 3, Chrysler 200, Ford Fusion, Lincoln MKZ, Subaru Legacy, Toyota Camry.

Bad : Buick Verano, Cadillac ATS, Chevrolet Malibu, Chevrolet Malibu Limited (vecchio modello per le flotte), Hyundai Sonata, Kia Optima, Mercedes Classe C, Mercedes-Benz CLA, Nissan Altima, Volkswagen Passat.

Se vuoi aggiornamenti su SICUREZZA: L'IIHS METTE I FARI SOTTO ESAME inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 30 marzo 2016

Vedi anche

Renault-Nissan e Microsoft, insieme per l’auto connessa e la guida semi-autonoma

Renault-Nissan e Microsoft, insieme per l’auto connessa e la guida semi-autonoma

L’Alleanza Renault-Nissan e Microsoft hanno sottoscritto un accordo pluriennale per lo sviluppo di tecnologie di nuova generazione.

Crash test GlobalNcap per Renault Kwid e Honda Mobilio

Risultati negativi per le "global car"

Leggermente migliorata rispetto ai crash test di maggio, Kwid ha riportato una valutazione ancora piuttosto lontana dalla piena sufficienza.

Stampa 3D: accordo fra Psa e società californiana

Stampa 3D per l'automotive

Non soltanto singoli componenti, ma l'intero veicolo potrà essere stampato a tecnologia 3D: è l'obiettivo dell'accordo Psa - Divergent 3D.