Ladro beccato dall'autovelox ma il volto è oscurato

La storia del proprietario di un'auto rubata che si è visto recapitare una multa con tanto di foto. Ma il volto era coperto: oltre il danno la beffa

Quello che è accaduto a Cremona ad un uomo a cui hanno rubato la propria auto ha davvero dell’incredibile. É “La Provincia di Cremona” a raccontare il fatto. Qualche giorno dopo aver denunciato il furto della sua Fiat Doblò,  al protagonista di questa vicenda è stata recapitata una multa per eccesso di velocità con tanto di fotografia che attesta l’infrazione ma come la legge sulla privacy vuole, nella foto è apposta una banda nera per nascondere l’identità del conducente che in questo caso è quasi sicuramente il ladro.

 

Il proprietario dell’auto rubata mostra la denuncia e riesce a farsi annullare la multa e ovviamente fa di tutto per scoprire l’identità del ladro alla guida della sua auto ma scopre, suo malgrado, che non sarà possibile: la legge prevede, infatti, che solamente la magistratura può fare richieste del genere e nessun altro. L’uomo ha sfogato la sua indignazione su Facebook : Vorrei fare due considerazioni: perché uno strumento di ultima generazione non è in grado di filtrare la targa di una macchina rubata? Secondo quesito: perché non è possibile vedere la faccia del ladro? Ah, già, la privacy...Si tutela il ladro e si fa pagare la multa al derubato

Se vuoi aggiornamenti su LADRO BECCATO DALL'AUTOVELOX MA IL VOLTO È OSCURATO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 06 novembre 2015

Vedi anche

Paga la tassa alla motorizzazione in monete

Paga la tassa alla motorizzazione in monete

L'incredibile iniziativa di un uomo americano che si è presentato negli uffici con una carriola piena di spiccioli ammontanti a 2.987,45 dollari

Cambio a doppia frizione: come funziona?

Cambio a doppia frizione: come funziona?

I segreti del cambio che ha rivoluzionato le trasmissioni automatiche

Motore: la combustione interna come non l

Motore: la combustione interna come non l'avete mai vista

Una clip da non perdere che mostra uno straordinario esperimento