USF1: annuncio, parole, parole, parole…

Gli appassionati della Formula 1 hanno avuto per ora solo l’annuncio: il team americano di F1 si farà nel 2009, ma debutterà solo nel 2010

USF1: annuncio, parole, parole, parole…

di Leopoldo Canetoli

25 febbraio 2009

Gli appassionati della Formula 1 hanno avuto per ora solo l’annuncio: il team americano di F1 si farà nel 2009, ma debutterà solo nel 2010

.

Grande attesa mediatica per l’annuncio, previsto per ieri, del nuovo USF1 Team, il team tutto americano di Formula 1 del quale si parla da tempo, ragionando già su quale pilota si infilerà sulla monoposto USA.

Come era prevedibile, per l’enorme numero di accessi, il sito Internet che doveva dare la notizia è andato in tilt e solo verso sera si è riusciti a vedere qualcosa…o meglio, a leggere le righe del blog di Peter Windsor che, da bravo giornalista, ci ha raccontato un po’ la storia dell’America…

Negli USA hanno avuto poco di più, solo cinque minuti su Speed Channel di intervista a Ken Anderson, il progettista, e appunto Peter Windsor che ha detto le stesse cose che aveva depositato sul suo blog.

Quindi non si parla ancora del pilota, Danica Patrick se ne può stare per il momento tranquilla e pensare alla sua attività americana, e non si parla di motori, ma solo di test quest’anno.

L’unica certezza è che il team avrà base a Charlotte, North Carolina, dove Anderson ha realizzato da tempo un’efficiente galleria del vento, pare molto usata dai team americani, e che la macchina verrà costruita in questa realtà.

Lo stesso Anderson, quando gli è stato chiesto come hanno pensato di impostare un team al di là dell’Atlantico, rispetto alle basi europee, ha risposto che per la logistica e trasporti non ci sono problemi, e che la maggior parte della tecnologia delle moderne F1 viene dagli USA! Auguri!

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...