Mercato auto: in Italia +9,2 ad ottobre 2014

Il comparto automotive italiano conquista un nuovo segno positivo, ma le associazioni di categoria continuano a rimanere scettiche sulla ripresa.

Jeep Renegade, immagini ufficiali

Altre foto »

I dati diffusi dal Ministero dei Trasporti relativi alle immatricolazioni di auto nuove per il mese di ottobre parlano di un incremento del 9,2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno  che corrisponde a 121.736 auto nuove immatricolate nel suddetto periodo. I dati di ottobre  dovrebbero spingere verso l'ottimismo, ma secondo Federauto, il dato positivo registrato è soltanto frutto di una timida risposta dei privati, unita allo sforzo delle Case automobilistiche e delle concessionarie che hanno proposto sconti, nuove iniziative e investito in pubblicità per aumentare le vendite dei propri marchi, a cui si uniscono il noleggio e le "km 0".

"Come ho avuto occasione di ripetere più volte nel corso del 2014, questi incrementi non devono trarre in inganno. Infatti, nonostante questo sia il 6° mese consecutivo con un segno positivo, il 2014 chiuderà a circa 1.350.000 unità. Un numero molto distante dai 2 milioni di pezzi l'anno risultanti dalla media degli ultimi 5 anni. Un numero che, se confermato, ci riporterebbe agli anni '70" ha commentato Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto che ha aggiunto: "nonostante il segno più, è ancora presto per aprire bottiglie di champagne, soprattutto per i concessionari e per il 1 milione e 200.000 lavoratori che operano nella filiera". Secondo Francesco Ascani, vicepresidente di Federauto, "la vera ripresa è ancora lontana a causa del  "mancato miglioramento del quadro macroeconomico italiano e nell'assenza di una politica per il settore degli autoveicoli che impatta su lavoro, tasse, ambiente e sicurezza".

Tra le note positive però c'è quella delle vendite relative alle vetture "ad alimentazione alternativa", capaci di registrare un +37% rispetto allo scorso anno, con circa 22.500 immatricolazioni che equivalgono ad una quota di mercato pari al 18,4%. Entrando nel dettaglio copriamo che le vetture alimentate a  GPL sono aumentate del 34% rispetto ad ottobre del 2013, mentre quelle a metano e le ibride  sono schizzate verso l'alto registrando rispettivamente  un +45% e un +33%.

Anche il Gruppo FCA (Fiat-Chrysler) sta cavalcando questo periodo positivo, grazie ad un'ottima performance del marchio Jeep (+136,8%), spinta dal debutto della nuova Renegade, distribuita  in un solo mese in ben 2 mila unità. Seguono Lancia con un incremento del 18,85% e Alfa Romeo con un + 5,9%, inoltre Fiat 500 e Panda mantengono il vertice  sul mercato italiano il vertice del segmento "A" son una quota del 58,4%.

Se vuoi aggiornamenti su MERCATO AUTO: IN ITALIA +9,2 AD OTTOBRE 2014 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 04 novembre 2014

Vedi anche

Suzuki: raggiunta quota tre milioni nello stabilimento di Esztergom

Suzuki: raggiunta quota tre milioni nello stabilimento di Esztergom

Magyar Suzuki Corporation, inaugurata nel 1991, celebra la Suzuki "numero tre milioni": è una S-Cross. Esportazioni in più di cento Paesi.

Mercato auto: l’Europa cresce a doppia cifra

Mercato auto: l’Europa cresce a doppia cifra

Marzo 2017 con il segno più: l’immatricolato cresce del 10,9% nei Paesi UE e del 18,2% in Italia. Fca è al quinto posto nella top ten europea.

Tesla in Borsa supera anche General Motors

Tesla in Borsa supera anche General Motors

Dopo il clamoroso sorpasso della scorsa settimana su Ford, il titolo Tesla supera anche un altro colosso quale General Motors.