Mille Miglia, al via l'edizione 2010

Partita ufficialmente la macchina organizzativa della Mille Miglia in programma per maggio. Le iscrizioni sono aperte

L'edizione 2010 della "Corsa più bella del mondo", nelle parole di Enzo Ferrari, è partita ufficialmente con la presentazione in conferenza stampa a Brescia e l'apertura delle iscrizioni. Dopo il successo dell'edizione 2009, che ha visto scendere per le strade 4 milioni di spettatori e ha catturato l'attenzione dei media da tutto il mondo, nel 2010 ci saranno molte novità.

"La Freccia rossa sta conquistando il cuore degli italiani e del mondo" ha commentato il presidente del comitato organizzatore Alessandro Casali. "Vogliamo che questa gara unica nel suo genere, fedele alla tradizione, sia riconosciuta e amata ovunque". Come da tradizione, la Mille Miglia 2010 si svolgerà nel mese di maggio: inizierà da Brescia giovedì 6 e si concluderà sempre a Brescia domenica 9. Le iscrizioni invece, aperte il 3 novembre, si chiuderanno il 20 dicembre.

Il percorso vede aggiungersi nuove località che saranno attraversate dalla Freccia, come Sirmione, Casal Maggiore e Manerbio; si avrà un ritorno al passato invece con le soste pranzo a Urbino e Buonconvento. La vera novità sarà il passaggio attraverso Bologna, uno dei luoghi della Mille Miglia storica: "La nostra volontà è quella di coinvolgere, anche alternandole, tutte le città della Mille Miglia, facendo crescere ulteriormente il legame tra la corsa e il territorio del suo percorso" ha spiegato Paolo Binelli, vice presidente del comitato organizzatore.

Sul percorso stabilito si sfideranno 375 meravigliose auto selezionate tra quelle iscritte, in una gara di regolarità. Una novità assoluta dell'edizione 2010 è il Tributo Ferrari alla Mille Miglia: oltre 100 Ferrari costruite dal 1958 ad oggi precederanno la gara di mezz'ora e avranno una loro speciale classifica.

La Mille Miglia si propone come la gara di regolarità per auto storiche più importante al mondo: il protocollo per la partecipazione è molto rigido: solo 375 auto ammesse. Il legame con la tradizione è ancora forte, infatti vengono eliminate le iscrizioni di modelli che non hanno mai partecipato a una delle 24 edizioni della gara di velocità. Fondamentali sono poi i certificati di omologazione, lo stato attuale delle vetture e la conformità al modello originale. Nel periodo storico di appartenenza non è considerato l'anno di costruzione dell'esemplare candidato ma l'anno di prima partecipazione alla Mille Miglia del modello di vettura. I modelli che hanno maggiori probabilità di essere accettati nell'edizione 2010 sono quelli appartenenti al periodo dal 1930 al 1952.

La corsa sarà l'occasione per assistere a una serie di eventi e manifestazioni nelle città toccate dalla carovana e a Brescia, da sempre regina dell'evento. Già il 18 dicembre si terrà nella città lombarda un Gran Gala in onore della Freccia rossa e il concerto del maestro Salvatore Accardo. Ancora in forse invece la notte bianca della Mille Miglia, a Brescia, che l'anno scorso portò in piazza oltre 70.000 persone.

Se vuoi aggiornamenti su MILLE MIGLIA, AL VIA L'EDIZIONE 2010 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Tomelleri | 04 novembre 2009

Vedi anche

Il Motor Show 2016 racconta 90 anni di Mille Miglia

Il Motor Show 2016 racconta 90 anni di Mille Miglia

A Bologna Fiere in esposizione sei vetture che presero parte alla "Freccia Rossa": anteprima della mostra che si inaugurerà il 26 marzo a Brescia.

Gruppo PSA: uno sguardo al passato per tracciare il futuro

Gruppo PSA: uno sguardo al passato per tracciare il futuro

Percorriamo la storia del Gruppo francese attraverso i suoi modelli storici e l’attenzione per l’Heritage.

Smart: 300 miglia per arrivare al Motor Show

Smart: 300 miglia per arrivare al Motor Show

Attraverso le strade della Mille Miglia al volante della Fortwo Turbo Twinamic