Emilia II, l’auto solare italiana al World Solar Challenge

La vettura, presentata a Maranello, parteciperà alla World Solar Challenge, la gara australiana riservata alle vetture a emissioni zero “solari”.

Emilia II, l'auto solare italiana al World Solar Challenge

di Stefano Triolo

22 settembre 2011

La vettura, presentata a Maranello, parteciperà alla World Solar Challenge, la gara australiana riservata alle vetture a emissioni zero “solari”.

È stata presentata direttamente dal presidente Luca Cordero di Montezemolo ma non è una Ferrari. È una monoposto ma non parteciperà al campionato di F1. Si tratta di Emilia II, una vettura alimentata esclusivamente da energia solare che, fra qualche giorno, parteciperà alla World Solar Challenge.

La gara, che si disputa in Australia ogni due anni, rappresenta una vera e propria maratona (3.021 km, da Darwin ad Adelaide) riservata esclusivamente alle auto a emissioni zero alimentate dai reggi del Sole e, in una settimana, attraverserà gli angoli più remoti del continente.

Emilia II è il frutto del lavoro svolto dal team emiliano Onda Solare, unico equipaggio italiano in gara e composto da studenti di ingegneria elettrica dell’Università di Bologna e dell’Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato di Maranello.

Sulla base alle specifiche tecniche fornite durante la presentazione, in particolare, la vettura è stata realizzata in carbonio e kevlar ed è ricoperta da 401 celle fotovoltaiche al silicio (per una superficie totale di 6 mq). Il risultato è una potenza complessiva di 1,3 kW e una velocità di punta è pari a 110 km/h.

Il team ha inoltre spiegato che “Ruote, cerchi, sistema sterzante, forcellone posteriore, scatola guida e molti altri elementi sono stati disegnati e costruiti su misura. Il concept della scatola guida è mutuato dalle tecnologie usate in F1″.

Claudio Rossi, uno dei ricercatori del team Onda Solare, ha presentato così la vettura: “Tutta la parte elettrica e meccanica di questo veicolo è stata progettata nell’Università di Bologna. Tutto il know-how legato alla parte elettrica, ai pannelli fotovoltaici, alla gestione batterie, alla gestione motore, è disponibile presso il Dipartimento di Ingegneria Elettrica.