Infiniti Essence

Il costruttore giapponese festeggia vent’anni e attacca l’Europa con una concept da capogiro: quasi 600 cavalli e motorizzazione ibrida

Il 1989 ha rappresentato per i costruttori giapponesi un importante punto di svolta. Quell'anno infatti Lexus, Infiniti e Acura (rispettivamente Toyota, Nissan e Honda) sbarcarono negli Stati Uniti, proponendo vetture di lusso ad altissimo contenuto tecnologico.

Nonostante una campagna di lancio non certo entusiasmante, l'Infiniti Q45 si impose subito come leader tecnologico: motore V8 4,5 litri più potente della categoria, differenziale autobloccante, sospensioni attive, quattro ruote sterzanti e un'accelerazione nello 0-100 km/h di 6,7 secondi, quando le concorrenti difficilmente scendevano sotto i 10.

Il successo non tardò ad arrivare, anche in virtù di un prezzo d'acquisto leggermente più contenuto rispetto alle controparti transoceaniche, punto di riferimento per molti acquirenti americani.

Da allora i marchi giapponesi hanno proseguito la loro ascesa, minacciando costantemente le vetture di produzione europea, al punto da indurre Lexus a tentare l'assalto "nella tana del lupo", circa dieci anni più tardi, con la LS400.

Ci sono voluti vent'anni per convincere anche Infiniti a sbarcare nel Vecchio Continente, forse a causa dell'altalenante andamento della concorrente Lexus. Con una line-up di tre modelli (G37, EX37 e FX) la gamma offre una berlina di lusso, disponibile anche con carrozzeria coupé o convertibile, e due SUV di cui uno con linee affusolate che ricordano quelle di una sportiva, ma pur sempre dal look "americano".

Si tratta di un ingresso nei piani alti del mercato, spalla a spalla con gli stessi "mostri sacri" a cui Infiniti ha negli anni rosicchiato quote sul mercato statunitense. Tutto questo non basta: per entrare nel cuore degli appassionati europei serve una vera GT, capace di destreggiarsi indifferentemente tra cordoli e aperitivi griffati.

Gran Turismo ma senza sprechi

La risposta arriva vent'anni dopo la nascita, e si chiama Infiniti Essence. Il nome non è stato scelto a caso: all'industria giapponese non manca davvero nulla per costruire vetture sportive di rango, specialmente sul piano tecnologico dove la perfezione è spesso sottintesa.

Un nome che riassume la perfezione su strada, secondo Infiniti: linea affusolata, aerodinamica, trazione posteriore, design unico, contenuti tecnologici all'avanguardia e soprattutto motorizzazione ibrida.

Un ibrido che evolve radicalmente il concetto di GT: prestazioni solo quando servono, senza sprechi e inquinamento se invece si sta passeggiando nel traffico cittadino. Ma anche un ibrido che sappia regalare emozioni quando serve, concentrando nella sofisticata trazione posteriore le due motorizzazioni come se fosse una: l'incredibile coppia dell'elettrico (da solo eroga ben 500 Nm) affiancata alla potenza di un V6 3.700 biturbo che con i suoi 430 cavalli già da solo non sfigurerebbe sotto al cofano della Essence.

Infiniti propone una GT umana e trattabile, giovando di tutti quei vantaggi che l'elettrico sa offrire nei regimi transitori, ovvero diagramma di coppia piatto, modulabilità della potenza e facile controllo della trazione, dovendo intervenire su masse in movimento molto più ridotte rispetto a un motore tradizionale. Un approccio che forse può far storcere il naso ai puristi, ma non va dimenticato che la Essence nasce per viaggiare su strada, a differenza di molte GT che riescono a dare il meglio solo in pista, conducendo invece una vita tra semafori e palazzi che ne restringe al minimo le loro possibilità.

Altro su Infiniti

Infiniti Q60 Neiman Marcus: l’edizione speciale per il nuovo catalogo
Ultimi arrivi

Infiniti Q60 Neiman Marcus: l’edizione speciale per il nuovo catalogo

La nota catena di distribuzione di lusso presenta nel suo catalogo natalizio un’esclusiva versione speciale della coupé giapponese.

Infiniti: i prezzi della nuova Q50
Ultimi arrivi

Infiniti: i prezzi della nuova Q50

Infiniti comunica i prezzi della nuova Q50: si parte dai 38.950 euro della 2.2d.

Infiniti VC-T: il primo motore a rapporto variabile di compressione
Tecnica

Infiniti VC-T: il primo motore a rapporto variabile di compressione

Annunciato come un sistema alternativo ai dispositivi di disattivazione dei cilindri, dal Salone di Parigi in poi ha stupito gli addeti ai lavori.