Il ritorno di Giugiaro con Proton e Quaranta

Rivelata l'ibrida realizzata in collaborazione con i malesi di Proton. Dal designer italiano anche un prototipo per celebrare i 40 anni del marchi

Dimensioni da utilitaria, quattro comodi posti e alimentazione ibrida. Queste sono solo alcune caratteristiche della nuova city car frutto della joint venture fra Italdesign, azienda del celebre designer italiano Giorgetto Giugiaro, e Proton costruttore malese proprietario, fra l'altro, del marchio Lotus.

Costruita su una piattaforma completamente inedita, la vettura (lunga 3,55 m) sarà in grado di ospitare quattro passeggeri su sedili indipendenti e scorrevoli, in modo da ottimizzare lo spazio dell'abitacolo. Usando le parole dello stesso Giugiaro è un'auto "con dimensioni esterne del segmento A, ma un'abitabilità interna comparabile a quella di una berlina di segmento D. Paragonata alle altre compatte è più alta, per sfruttare al massimo gli ambienti interni; il punto h dei sedili è alla stessa altezza dell'anca dei passeggeri: non si scende in auto come in una coupé, non si sale come in una Suv, ma si entra in modo naturale a bordo. Il comfort dei posti posteriori, in entrata e in uscita dalla vettura è assolutamente inedito".

Per quanto riguarda il motore sarà composto da un'unità termica posizionata anteriormente che funge da generatore per ricaricare le batterie al litio poste nella parte posteriore; il sistema di trazione invece sarà collocato in posizione centrale per ottimizzare la distribuzione dei pesi e lo spazio interno. La city car, che sarà svelata ufficialmente in occasione del prossimo Salone di Ginevra, farà da apripista a una famiglia di vetture compatte destinate ai mercati emergenti.

Nel presente del designer italiano non c'è solo una city car ibrida ma anche una coupé dalle forme avveniristiche realizzata per festeggiare i 40 anni di attività: Italdesign Giugiaro Quaranta. Costruita con monoscocca in carbonio, pianale piatto e privo di tunnel centrale di trasmissione, la sportiva firmata Giugiaro ha un sistema di accesso estremamente particolare che prevede l'apertura/chiusura di un unico portellone anteriore (azionabile attraverso un pulsante) che si muove insieme alle portiere laterali.

Tra le soluzioni implementate alcuni pannelli solari in grado di accumulare fino a 250W per alimentare l'impianto elettrico. Meccanica ed elettronica sono state sviluppate con la collaborazione di Toyota: motore a benzina V6 da 3,3 litri e due unità elettriche, con trazione integrale. Secondo i primi dati diffusi la Italdesign Quaranta è in grado di erogare una potenza di 272 CV e di accelerare da 0 a 100 km/h in 4 secondi per una velocità massima di 250 km/h.

Se vuoi aggiornamenti su IL RITORNO DI GIUGIARO CON PROTON E QUARANTA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 12 febbraio 2010

Vedi anche

NanoFlowcell Quant 48Volt Concept al Salone di Ginevra

NanoFlowcell Quant 48Volt Concept al Salone di Ginevra

Debutterà a Ginevra la concept NanoFlowcell Quant 48Volt caratterizzata da una tecnologia con batteria di flusso.

Italdesign Automobili Speciali: la hypercar per il Salone di Ginevra

Italdesign Automobili Speciali: la hypercar per il Salone di Ginevra

Le prime immagini e caratteristiche tecniche della supercoupé da 330 km/h che sarà prodotta in tiratura limitatissima.

Lotus Evora Sport 410: una "special" nel nome di James Bond

Lotus Evora Sport 410: una "special" nel nome di James Bond

40 anni fa, la Esprit S1 "anfibia" fu protagonista de "La spia che mi amava". Oggi, Lotus Exclusive la replica in chiave attuale con Evora Sport 410.