Nuova Fiat Strada 2012

Il Nuovo Fiat Strada 2012 sbarca in Italia, il pick-up prodotto in Brasile ideale sia per il lavoro che per il tempo libero.

Nuovo Fiat Strada 2012

Altre foto »

Debutta in questi giorni sul mercato italiano il nuovo Fiat Strada 2012, pick-up versatile e polifunzionale prodotto nello stabilimento di FIASA a Betim, in Brasile. Il rinnovato pick-up leggero di Fiat, adatto per un uso lavorativo e per il tempo libero, tenterà di replicare il successo della precedente edizione, leader di mercato nel paese sud americano e venduta in ben 127.800 unità in tutto il mondo.

Tre allestimenti e tre carrozzerie

Disponibile negli allestimenti Working, Trekking, Adventure e in tre diverse configurazioni di carrozzeria (Cabina Corta, Lunga e Doppia), il nuovo Strada 2012 mette a disposizione ben sei diverse versioni, tra cui l'inedita cabina doppia, capace di ospitare comodamente quattro passeggeri e dotata di una capacità di carico che arriva fino a 650 kg. Lungo 4409 mm (4457 mm per versione Adventure), largo 1664 mm (1740 mm per versioni Adventure), e con un passo di 2718 mm, il pick-up di Fiat si fa apprezzare per il pratico cassone posteriore - dotato di ribaltina pieghevole - ampio e dalla forma regolare, in grado di caricare tra i 630 a 705 kg a seconda della versione scelta.

Estetica moderna e aggressiva

Esteticamente il nuovo modello porta in dote un inedito frontale caratterizzato da un paraurti dal carattere aggressivo che ingloba le nuove prese d'aria ospitate in un unico elemento dalla forma rettangolare. Nuovi anche i gruppi ottici anteriori che si distinguono per la forma monoparabola della versione Working e in quella biparabola della Trekking. La versione Adventure risulta quella con il carattere più sportivo, grazie all'introduzione di alcuni accorgimenti estetici come il frontale dello stesso colore della carrozzeria, abbinato alla calandra di colore nero, impreziosita a sua volta da inserti cromati, mentre i fari fendinebbia risultano integrati nella zona inferiore. L'abitacolo del Fiat Strada offre un comfort paragonabile a quello di una normale autovettura , ed è dotata di numerosi accessori come il climatizzatore, il volante regolabile, i sedili ergonomici, l'impianto hi-fi e molto altro ancora.

Diesel Multijet e differenziale E-Locker

Il nuovo Fiat Strada 2012 viene equipaggiato con il parco e scattante turbodiesel Multijet euro 5 da 1.3 litri, capace di erogare ben 95 CV e una coppia massima di 200 Nm a partire da 1500 giri/min. Grazie all'introduzione del turbo a geometria variabile questo propulsore promette ottime percorrenze nel ciclo medio, con valori dichiarati pari a 5,3 litri/100 km. Degno di nota l'adozione del sofisticato differenziale E-Locker (Electronic Locking Differential), offerto di serie sull'allestimento Adventure. Questo sofisticato dispositivo permette di bloccare il differenziale anteriore, trasferendo la coppia disponibile sulla ruota con maggiore aderenza, in modo da affrontare dei percorsi adatti al fuoristrada leggero, dove l'aderenza non risulta particolarmente ottimale. In poche parole il differenziale E-Locker  offre prestazioni fuoristradistiche leggere, senza implicare i maggiori costi di consumi e manutenzione di un veicolo 4x4.

Se vuoi aggiornamenti su FIAT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 27 gennaio 2012

Altro su FIAT

Fiat Panda Natural Power, 80mila km percorsi con biogas fognario
Ecologiche

Fiat Panda Natural Power, 80mila km percorsi con biogas fognario

Una Fiat Panda Natural Power è pronta a effettuare un lungo test che prevede di coprire 80mila km alimentata con biometano prodotto da acque fognarie.

Fiat 500, la citycar celebra a Ginevra i suoi 60 anni
Ultimi arrivi

Fiat 500, la citycar celebra a Ginevra i suoi 60 anni

La Casa del Lingotto celebra i sessant’anni della fiat 500 con numerose iniziative e una serie speciale protagonista a Ginevra.

Marchionne: produzione Fiat Panda via da Pomigliano
Curiosità

Marchionne: produzione Fiat Panda via da Pomigliano

La Fiat Panda sarà assemblata in Polonia per destinare l’impianto di Pomigliano alla produzione di modelli più complessi.