Tangenziale di Milano: nel 2011 il via ai lavori

Al via i lavori per la nuova tangenziale esterna milanese (Tem) che dovrebbe costare 2 miliardi di euro

La cosiddetta tangenziale esterna milanese (Tem) dovrebbe costare 2 miliardi di euro. Questa infrastruttura autostradale, che fa parte delle grandi opere legate all'Expo 2015 che si terrà nel capoluogo lombardo, appare sempre più indispensabile per snellire una circolazione al collasso che non ha eguali in Italia.

Le cifre del piano economico-finanziario, contenute all'interno dello schema di convenzione unica tra Cal e Tem spa, sono state inviate alle commissioni Urbanistica e Bilancio che dovranno fare le valutazioni del caso.

Il costo dei lavori al netto dell'Iva raggiunge i 1,821 miliardi, in cui sono compresi 1,321 miliardi di costi "vivi" e 346 milioni di oneri finanziari. Per vedere avviati i lavori di questa opera, che cingerà in direzione nord-sud la parte a est di Milano a una distanza di una ventina di chilometri dal centro, occorrerà aspettare il 2011, in ritardo rispetto alle previsioni che ritenevano il 2010 l'anno del taglio del nastro. I tempi di realizzazione? Il piano finanziario prevede 4 anni, ossia in tempo per l'Expo.

Tutti e 33 i chilometri della Tem saranno costruiti in 2 carreggiate con 3 corsie per senso di marcia, 23,7 km saranno a raso o in leggero rielevato, 5,3 in "trincea", 2 in viadotto e 2 in galleria.

Se vuoi aggiornamenti su TANGENZIALE DI MILANO: NEL 2011 IL VIA AI LAVORI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 10 giugno 2010

Vedi anche

Gruppo FCA: per il ministro del Delrio i diesel sono in regola

Gruppo FCA: per il ministro del Delrio i diesel sono in regola

Il Ministro dei Trasporti Delrio, in un audizione alla Camera ha voluto mettere fine alla polemica tra la il Governo tedesco e FCA.

FCA: utile record di 1,8 miliardi nel 2016

FCA: utile record di 1,8 miliardi nel 2016

Tra i marchi Jeep ha avuto un aumento del 9%

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

L’eletto presidente repubblicano incontra i vertici Fca, Ford e General Motors: al primo posto la difesa del lavoro negli Stati Uniti.