L'RC Auto? Si farà anche alle Poste

Poste Italiane molto presto offrirà anche l'opportunità di usufruire di servizi di assicurazione per auto e moto

In futuro alle Poste non si andrà solo per pacchi, raccomandate e libretto ma anche per l'RC Auto. Sì, proprio così, Poste Italiane entrerà nel mercato delle assicurazioni auto e moto, come annunciato di recente dall'Amministratore delegato, Massimo Sarmi.

Nell'ottica di un completo rinnovamento, l'azienda intende diversificare sempre più la propria offerta: già in questi anni gli uffici territoriali hanno cominciato ad erogare servizi bancari e finanziari, servizi di telefonia mobile, polizze vita ed ora anche assicurazioni auto.

Si tratterà di una vera e propria nuova compagnia di assicurazioni con il marchio Poste Italiane, per la cui creazione è necessario il parere positivo dell'ISVAP, l'Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni. Burocrazia a parte, se ci sarà il via libera, Poste Italiane potrebbe offrire il servizio già dal 2011, anno in cui avverrà, tra l'altro, la liberalizzazione del settore postale, con l'ingresso di operatori privati.

Poste Italiane per ottenere successo nelle assicurazioni auto, mercato ormai saturo, dovrà dimostrarsi molto competitiva e conveniente, portando così il cittadino a risparmiare concretamente. In ogni caso maggiore concorrenza va sicuramente a vantaggio dei consumatori.

Se vuoi aggiornamenti su L'RC AUTO? SI FARÀ ANCHE ALLE POSTE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Tomelleri | 26 marzo 2010

Vedi anche

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Dall’Europa all’Asia, all’America: il TomTom Traffic Index passa al setaccio il grado di congestionamento urbano. E si scopre che Palermo…

Auto e moto: cos

Auto e moto: cos'è il "foglio unico" di circolazione?

Addio carta di circolazione e certificato di proprietà: i dati potrebbero essere accorpati in un unico documento.