Sicurezza e richiami auto: negli Usa accordo tra i costruttori

Agreement siglato fra le 18 Case presenti negli Usa e il Governo federale, per intervenire in anticipo sulle necessità di richiamo.

Quanto costano le campagne di richiamo? All'indotto automotive molti milioni, al cliente il disagio di doversi recare al punto di assistenza di una specifica Casa auto per portare la propria vettura "in aggiornamento"; e, per l'immagine del marchio, spesso non è un biglietto da visita dei migliori.

In altre parole: "prevenire è meglio che curare". Ed ecco pronto un maxi-accordo fra le maggiori Case auto che, finora riguardante gli Usa, è rivolto alle delicate questioni della sicurezza automotive.

L'agreement è stato chiamato "Proactive Safety Principles 2016" ed è siglato in queste ore dai 18 Costruttori principali presenti oltreoceano in concerto con il Governo federale degli Stati Uniti. Il documento porta, fra gli altri, la firma di Fca US, la filiale nord americana di Fiat Chrysler Automobiles che si è unita a Ford, Volkswagen America, Bmw North America, Subaru America, American Honda Motor Company, Porsche Cars North America, Mazda North American Operations, Mitsubishi Motors North America, General Motors, Volvo Cars Usa, JLR - Jaguar Land Rover North America, Tesla, Mercedes Usa, Hyundai Motor America, Nissan North America,  Toyota Motor North America e Kia Motors America.

L'accordo si concentrerà - è stato annunciato dai rappresentanti dei marchi che aderiscono all'accordo di programma - in una generale revisione della protezione informatica di bordo. Più nel dettaglio, spiega Anthony Foxx, segretario ai Trasporti del Governo di Washington, l'agreement siglato dai rappresentanti delle 18 maggiori Case auto presenti oltreoceano rappresenta "Un approccio nuovo, proattivo e collaborativo per venire incontro alle esigenze di sicurezza della attuale circolazione".

I termini dell'accordo sono contenuti nelle quattro pagine del "Proactive Safety Principles 2016", un documento già disponibile online sul sito Web di Nhtsa - National Highway Traffic Safety Administration, l'organizzazione sulla sicurezza stradale del Governo degli Stati Uniti.

Nel dettaglio, è stato specificato, il programma si focalizzerà su una migliore sicurezza informatica dell'autoveicolo: i sistemi di allarme potranno servire per creare tendenze statistiche sui guasti e, come appoggio concreto, le reti dell'industria aeronautica potranno svolgere un ruolo potenziale di cooperazione successivamente a un significativo giro di vite sulla risoluzione rapida dei guasti nei veicoli.

Da parte del rappresentante governativo Usa è chiaro come sia più importante la prevenzione rispetto ad eventuali intense campagne di richiamo: "L'accordo messo a punto rappresenta un momento storico: grazie alle nuove tecnologie sarà finalmente possibile rendere le nostre strade sempre più sicure". Il programma non è vincolante dal punto di vista giuridico. Va comunque sottolineato che a tutto il 2014 l'ammontare di autoveicoli sottoposti a richiami, negli Usa, è di 64 milioni di unità: una cifra record che ha messo le Case auto sotto pressione. Il sottosegretario federale ai Trasporti è dell'avviso che l'agreement siglato fra le rappresentanze delle 18 case auto presenti negli Usa e il Governo di Washington rappresenti un concreto punto di svolta.

Se vuoi aggiornamenti su SICUREZZA E RICHIAMI AUTO: NEGLI USA ACCORDO TRA I COSTRUTTORI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 18 gennaio 2016

Vedi anche

Guida autonoma: grave incidente per una Google Car

Guida autonoma: grave incidente per una Google Car

Un'auto a guida autonoma di Google è stata protagonista di un incidente a Mountain View.

Tommy 2.0, il dissuasore che protegge i parcheggi per i disabili

Tommy 2.0, il dissuasore che protegge i parcheggi per i disabili

Ideato dal giornalista Gianluca Nicoletti, questo geniale dispositivo dovrebbe presto diffondersi sulle strade del 1° Municipio di Roma.

Apple punta alla McLaren, ma la Casa di Woking smentisce

Apple punta alla McLaren, ma la Casa di Woking smentisce

L'azienda di Cupertino potrebbe acquisire la McLaren per usufruire delle sue tecnologie e puntare alla guida autonoma.