Chevrolet Camaro 2014: il restyling a New York

Al Salone di New York 2013 si rinnova la muscle car del Cravattino con l’aggressiva Z28.

Chevrolet Camaro 2014: il restyling a New York

Tutto su: Chevrolet Camaro

di Valerio Verdone

28 marzo 2013

Al Salone di New York 2013 si rinnova la muscle car del Cravattino con l’aggressiva Z28.

La Camaro è un’autentica icona negli USA, l’antagonista per antonomasia della Ford Mustang, una delle muscle car più aggressive e apprezzate dagli appassionati. Al Salone di New York arriva il restyling di questa sportiva, con le varianti SS e Z28. Si tratta di un trattamento stilistico leggero, che non intacca il carattere e i muscoli della vettura, ma che esprime ancora più dinamismo, soprattutto nella variante più cattiva.

>> Guarda la gallery della Camaro ZL1

Se già nella Camaro SS si apprezza lo stile rinnovato che coinvolge il frontale con una presa d’aria inferiore più grande e una superiore più piccola, ed una vista posteriore che presenta nuovi gruppi ottici, nella Z28 si percepisce tutto il testosterone di questa muscle car inconfondibilmente yankee. Infatti, la variante più corsaiola della Camaro presenta uno splitter più pronunciato, uno spoiler posteriore di maggiori dimensioni e un’aerodinamica fondamentalmente più curata per girare in pista nella massima efficienza.

Vettura studiata per far fronte alle esigenze di chi non disdegna i track day e vuole condurre la sua Camaro in circuito, la Z28 vanta soluzioni interessanti come la lubrificazione a carter secco e i freni Brembo carbo-ceramici. Ma non è tutto, ha subito anche una cura dimagrante che le ha consentito di perdere ben 45 kg rispetto alla SS e 136 kg in confronto alla cattivissima ZL1. Il risultato è un’accelerazione laterale di 1,05 g e un tempo sul giro inferiore di 3 secondi rispetto alla ZL1.

Rispetto alla variante sovralimentata, la ZL1 appunto, da 580 CV, la Z28 può contare su 500 CV erogati dal suo V8 da 7 litri aspirato, ma il peso inferiore e l’aerodinamica, oltre che i cerchi da 19 pollici con coperture 305/30 Pirelli PZero Trofeo R, le consentono di essere più veloce e soprattutto più godibile nella guida in pista.

All’interno trovano posto quattro persone, perché alla Chevrolet hanno pensato bene di non porla in concorrenza con la loro vettura di riferimento a due posti, ovvero la Corvette, che ha il suo pubblico e la sua nicchia di estimatori. Ad ogni modo l’interno della Camaro risulta molto aggressivo per via dei sedili sportivi Recaro che conferiscono un tono corsaiolo a tutto l’insieme grazie alla commistione di pelle ed Alcantara.