Corvette C7 Stingray Convertible al Salone di Ginevra

Al Salone di Ginevra, Chevrolet alzerà il velo sulla Corvette C7 Stingray Convertible: 450 CV per la “cabrio” più potente nella saga Corvette.

Corvette C7 Stingray Convertible al Salone di Ginevra

Tutto su: Chevrolet Corvette

di Francesco Giorgi

05 marzo 2013

Al Salone di Ginevra, Chevrolet alzerà il velo sulla Corvette C7 Stingray Convertible: 450 CV per la “cabrio” più potente nella saga Corvette.

Dopo il debutto americano della Coupé, avvenuto lo scorso gennaio al Salone di Detroit, per Chevrolet Corvette C7 Stingray è il momento della première al Salone di Ginevra, ma nella versione “open air”.

Il marchio sportivo di General Motors ha rilasciato le immagini ufficiali della Corvette C7 Stingray Convertible, la attesa declinazione “scoperta” della ultima nata nella saga Corvette, la Stingray che riprende – in chiave attuale – le forme spigolose e appuntite della celebre “antenata” degli anni 60.

Definita da Chevrolet “La Corvette cabriolet più potente mai prodotta”, la C7 Stingray arriverà sui mercati mondiali nell’ultimo trimestre 2013, sia in versione Coupé che Convertible. Già definite, a questo proposito, le modifiche necessarie agli esemplari destinati all’esportazione: impianto di illuminazione, lavafari, specchi retrovisori esterni.

>> Guarda le immagini ufficiali della Chevrolet Corvette C7 Stingray Convertible

La struttura del telaio, in alluminio (più leggero di oltre 40 kg e più rigido del 57% rispetto allo chassis in acciaio “tradizionale” della Corvette in listino) resta un elemento comune alla C7 Stingray Coupé, allo stesso modo dell’aggressivo stile improntato alla carrozzeria e alla scelta di materiali leggeri (fra i quali la fibra di carbonio) per cofano motore, parafanghi, porte e parafanghi posteriori.

La capote, punto centrale nell’appeal della Corvette C7 Stingray Convertible, è un “tradizionale” elemento in tela a tre strati, con imbottitura fonoassorbente e lunotto in cristallo. Il comando di apertura e chiusura è attivabile mediante la chiave di avviamento, e può essere comandato con la vettura in marcia fino a 50 km/h.

Riguardo alla meccanica, anche qui troviamo la stessa soluzione powertrain e drivetrain impostata sulla Corvette C7 Stingray Coupé. Sotto il cofano, la vettura viene equipaggiata con il V8 da 6,2 litri della famiglia LT1, dotato di iniezione diretta, sistema Active Fuel Management e variatore di fase continuo, raffreddamento differenziale e gruppo trasmissione  e sistema di lubrificazione a carter secco. La potenza – non ancora ufficiale – indicata da GM è di 450 CV. La trasmissione, che sfrutta un cambio manuale a 7 rapporti con sistema Active Rev Matching (dispositivo che “consiglia” il conducente sul momento esatto di passaggio fra una marcia e l’altra) comprende il differenziale a slittamento limitato a gestione elettronica.