Semaforo giallo a 3 secondi: multe e polemiche in arrivo

Giuseppe Cutrone
14 Gennaio 2015
Semaforo giallo a 3 secondi: multe e polemiche in arrivo

La decisione della Cassazione di legittimare la durata del semaforo giallo ad almeno tre secondi ha dato il via a numerose polemiche.

La decisione della Cassazione di legittimare la durata del semaforo giallo ad almeno tre secondi ha dato il via a numerose polemiche.

Una sentenza della Cassazione ha aperto un forte e acceso dibattito presso buona parte degli automobilisti italiani. Motivo della discussione è la decisione della Corte suprema di legittimare l’abbassamento della durata del semaforo giallo fino a 3 secondi, ritenendo evidentemente congruo questo lasso di tempo per poter frenare la corsa del veicolo prima che sopraggiunga il rosso. 

Con la sentenza n.27348/2014, infatti, la Cassazione ha dato il via libera alla Circolare del Ministero dei Trasporti n. 67906/2007 che fissa a non meno di 3 secondi la durata della luce gialla per i semafori piazzati sulle strade italiane. Secondo la Corte, 3 secondi corrispondono esattamente al tempo richiesto per fermarsi da una velocità di 50 km/h, ovvero il limite massimo permesso dal Codice della Strada sui percorsi urbani. 

Questo significa che le amministrazioni locali saranno autorizzate ad impostare la durata del semaforo giallo a 3 secondi e che tutte le multe erogate in presenza di tale impostazione saranno legittime

Immediate si sono levate le polemiche e le accuse di molti automobilisti, che hanno visto fin da subito in questa decisione l’ennesimo provvedimento mirato a consentire agli enti locali di far cassa. Il problema è dovuto al fatto che, nonostante vi sia una legge del 2010 che obbliga le amministrazioni a reinvestire i proventi delle multe in misure per la sicurezza stradale, manca un decreto attuativo e, pertanto, comuni e province possono usare le somme incassate dalle contravvenzioni per risollevare i rispettivi bilanci, il tutto sulle spalle dei cittadini. 

Al di là dell’aspetto puramente economico che potrebbe pesare sensibilmente sugli automobilisti, a far riflettere è anche il risvolto legato alla sicurezza. Secondo uno studio del CNR, infatti, 3 secondi sono sufficienti per arrestare in tempo una vettura o comunque un veicolo leggero, mentre per i mezzi pesanti come autobus, autoarticolati e autosnodati l’arresto completo da una velocità di 50 km/h richiede almeno 4 secondi

Si ha quindi l’impressione che l’ennesima inefficienza dell’apparato legislativo e burocratico italiani andrà ad incidere sulla sicurezza e sulle tasche degli automobilisti, aggiungendosi alla serie di decisioni che non aiutano certo la percezione di uno Stato efficiente e “giusto” da parte della popolazione.

Seguici anche sui canali social

Annunci Usato

  • audi-q3-2-0-tdi-177-cv-quattro-s-tronic-6
    14.100 €
    AUDI Q3 2.0 TDI 177 CV quattro S tronic
    Diesel
    215.000 km
    04/2012
  • bmw-316-d-touring-business-advantage-aut-29
    22.500 €
    BMW 316 d Touring Business Advantage aut.
    Diesel
    67.300 km
    02/2018
  • iveco-ecodaily-35s-3-0-n-power-solo-32-935km
    13.990 €
    IVECO Ecodaily 35S 3.0 N. Power SOLO 32.935KM
    Benzina/Metano
    32.935 km
    07/2011
  • kia-sportage-1-7-crdi-2wd-cool-29
    18.999 €
    KIA Sportage 1.7 CRDI 2WD Cool
    Diesel
    99.000 km
    02/2018
  • hyundai-tucson-1-7-crdi-comfort-21
    18.500 €
    HYUNDAI Tucson 1.7 CRDi Comfort
    Diesel
    92.000 km
    08/2017
  • nissan-qashqai-1-5-dci-115-cv-business-21
    21.500 €
    NISSAN Qashqai 1.5 dCi 115 CV Business
    Diesel
    31.600 km
    02/2019
  • nissan-qashqai-1-5-dci-business-68
    18.600 €
    NISSAN Qashqai 1.5 dCi Business
    Diesel
    90.000 km
    05/2018
  • ford-s-max-1-8-tdci-125cv-6
    8.900 €
    FORD S-Max + 1.8 TDCi 125CV
    Diesel
    150.180 km
    01/2008
  • hyundai-ix20-1-6-crdi-115-cv-app-mode
    7.000 €
    HYUNDAI iX20 1.6 CRDI 115 CV APP MODE
    Diesel
    65.000 km
    06/2013

Ti potrebbe interessare anche

page-background