Vacanze Sicure 2017: i risultati dell’indagine sono preoccupanti

L’annuale indagine denominata “Vacanze sicure” ha nuovamente evidenziato un pericoloso uso scorretto dei pneumatici durante la bella stagione.

Vacanze Sicure 2017: i risultati dell’indagine sono preoccupanti

di Redazione

17 luglio 2017

Sono stati presenti a Roma i risultati dell’indagine “Vacanze Sicure 2017” realizzata dalla Polizia Stradale in collaborazione con le associazioni di categoria Assogomma e Federpneus. Questo importante studio annuale monitora da ben 15 anni le condizioni dei pneumatici che equipaggiano i veicoli in circolazione in Italia poco prima dell’inizio degli esodi estivi.

I dati raccolti, elaborati sul modello del Politecnico di Torino, fanno emergere una situazione decisamente preoccupante causata di un elevato uso di pneumatici invernali fuori stagione e di gomme disomogenee sui due assi. Si tratta dei risultati venuti a galla dopo che la Polizia Stradale ha effettuato ben 12.910 controlli  nel periodo tra metà aprile e metà giugno su strade ed autostrade di ben 6 regioni italiane: Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Sicilia, Sardegna, Calabria e Puglia.

Le regole infrante dagli automobilisti vanno dalla non conformità della Carta di Circolazione, passando alle gomme non omologate, fino ad arrivare agli pneumatici danneggiati e a quelli completamente lisci. Tra le vetture sottoposte a controllo, ben il 15,26% risultava avere almeno una non conformità relativa agli pneumatici, ovvero un totale di circa un’auto su cinque, a cui bisogna aggiungere il 3,34% che risultava senza revisione periodica obbligatoria.

Purtroppo, molti utenti della strada ignorano la fondamentale importanza per la sicurezza attiva dell’uso di uno pneumatico a norma sulla propria vettura. Dai controlli precedentemente citati (12.910) è emerso inoltre che dalle 4.821 sfruttavano pneumatici invernali M+S e 1.024 avevano un equipaggiamento di gomme non omogeneo.

Si tratta di una tendenza decisamente pericolosa, perché come ricordano le associazioni di categoria nel periodo estivo è necessario utilizzare pneumatici estivi (“standard”), mentre in quella fredda sono necessari gli pneumatici invernali (M+S con o senza pittogramma alpino). Questa operazione  deve essere abbinata all’uso di pneumatici omogeni tra i due assi, ovvero 4 gomme della medesima marca, misura, tipologia (invernale o estivo) e caratteristiche.

Ricordiamo che con pneumatici invernali utilizzati nella stagione fredda gli spazi in frenata si riducono del 20% rispetto ai pneumatici estivi se l’asfalto è asciutto, mentre se è innevato si arriva al 50%. Stessa cosa se si usano ruote invernali in estate, lo spazio durante la frenata si allunga del 20% rispetto agli pneumatici per la bella stagione.