F1: torna il binomio Lotus-Senna

Il nipote dell'indimenticato Ayrton Senna è il terzo pilota della scuderia Lotus Renault.

Renault Lotus GP R31

Altre foto »

Ammettiamolo, il colore nero ed oro che campeggia su una monoposto con il logoLotus rievoca sensazioni straordinarie, ricordi meravigliosi e stimola l'immaginazione. Poi, se al volante della vettura in questione c'è un pilota che porta un cognome magico come quello del mitico Senna, l'effetto retrò è completo.

Merito di una circostanza: l'appiedamento di Bruno Senna da parte della HRT, che ha favorito la formazione di un binomio epico. Certo, il nipote del leggendario Ayrton è arrivato nel team Lotus Renault come terzo pilota e difficilmente lo vedremo impegnato in una gara nel 2011, ma il futuro potrebbe riservare affascinanti scenari.

Infatti, il secondo volante nel team è sempre stato in bilico da almeno un paio di stagioni e Bruno Senna, se sarà convincente nei test potrebbe anche passare titolare nel 2012. Ovviamente, sarà difficile per lui ripetere le gesta del mitico Ayrton che, con la Lotus nera e oro, portò a casa 15 pole position e 4 vittorie tra il 1985 e il 1986, ma bisogna ammettere che l'operazione nostalgia in uno sport passionale come la F1 funziona alla grande.

Se vuoi aggiornamenti su F1: TORNA IL BINOMIO LOTUS-SENNA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 01 febbraio 2011

Vedi anche

Formula E: anche DS è fra i costruttori ufficiali

Formula E: anche DS è fra i costruttori ufficiali

Dal 2018 – 2019 l’elenco di Case costruttrici coinvolte in prima persona nel campionato per monoposto elettriche vedrà anche DS Automobiles.

DIRETTA F.1 GP di Melbourne, vince la Ferrari, vince Vettel

DIRETTA F.1 GP di Melbourne, vince la Ferrari, vince Vettel

Dominio rosso con Vettel sulle due Mercedes, Kimi quarto. Sarà un mondiale più equilibrato?

GP di Melbourne, QUALIFICHE: la Ferrari è in agguato!

GP di Melbourne, QUALIFICHE: la Ferrari è in agguato!

Qualifiche molto belle, la Rossa c’è, gap ridotto dalla Mercedes. Questa F.1 tutta fisicità piace, perché fa sudare i piloti e perché va tanto forte!