F1: la McLaren non avrà una prima guida

Nonostante il divario in classifica iridata il team di Woking punta sia su Hamilton che su Button per conquistare il titolo piloti

F1: la McLaren non avrà una prima guida

Tutto su: McLaren

di Valerio Verdone

02 settembre 2010

Nonostante il divario in classifica iridata il team di Woking punta sia su Hamilton che su Button per conquistare il titolo piloti

Non ci saranno preferenze in casa McLaren, nessun ordine di scuderia sottaciuto e nessun accordo interno: i due piloti avranno le stesse chance di vittoria fino alla fine della stagione. Dunque, nessun favoritismo per il capo classifica Hamilton, che appare nel suo anno di grazia, e molta fiducia nei confronti di Button, un pilota sempre tenace e costante.

“Al termine della gara di Spa mi trovavo con Jenson e Lewis – spiega il Direttore Generale del team Martin Whitmarsh – quando ho sentito Button che diceva al suo compagno di squadra: Ok, ho 35 punti di svantaggio dalla vetta, ma non per questo mi arrenderò. Così deve essere, Jenson è stato molto sfortunato in Belgio, avrebbe potuto ottenere punti pesanti e avere Lewis sotto tiro. Gli è andata male, in ogni caso le cose cambiano in fretta”.[!BANNER]

Parole che sottolineano la tenacia di Button e l’intenzione di puntare su entrambi per scacciare la minaccia Webber. E’ vicinissimo a Lewis – continua Whitmarsh – con soli 3 punti di ritardo in classifica. Inoltre stiamo parlando di un pilota determinato, che sta attraversando un momento positivo della sua carriera, quindi è lui l’avversario più accreditato. Nutro però qualche perplessità sulla Red Bull: hanno investito molto su Sebastian Vettel e non so se siano pronti a cambiare rotta concentrando i loro sforzi su Webber“.