F1: partnership tra la Sauber e il Chelsea

Il logo dei Blues comparirà sulla monoposto svizzera, mentre quello del team allo Stamford Bridge.

Sauber-Ferrari C30 2011

Altre foto »

Può un team di F1 stringere un accordo con una squadra di un altro sport? La risposta è sì, e l'esempio di questo anomalo ma originario gemellaggio è rappresentato dalla partnership stretta dalla Sauber con una delle squadre più in vista del momento: il Chelsea.

Il team dei Blues, guidato dal "nostro" Di Matteo, capace di sconfiggere il Barcellona e di trovare per la seconda volta nella sua storia la finale di Champions League, metterà il suo logo sulle monoposto svizzere e farà il giro del mondo a più di 300 km/h. Nello stesso tempo, la squadra di F1 troverà ospitalità sui cartelloni pubblicitari dello Stamford Bridge e sarà presente a bordo campo in uno degli stadi più prestigiosi del campionato inglese.

"Una partnership come questa tra Formula Uno e il calcio non è mai esistita prima - afferma l'amministratore delegato della Sauber Monisha Kaltenborn - ma ci sono numerosi punti in comune e possibili sinergie. In entrambi i casi stiamo parlando di sport di squadra al massimo livello internazionale".

Se vuoi aggiornamenti su F1: PARTNERSHIP TRA LA SAUBER E IL CHELSEA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 30 aprile 2012

Vedi anche

Rally: tragedia a Montecarlo, muore uno spettatore

Rally: tragedia a Montecarlo, muore uno spettatore

Hayden Paddon al volante della sua Hyundai è stato protagonista di un terribile incidente che ha provocato a morte di uno spettatore.

Il motorsport dice addio a Mario Poltronieri

Il motorsport dice addio a Mario Poltronieri

Il popolarissimo telecronista della F.1 è scomparso ieri a 87 anni nella sua abitazione di Milano. Una vita a tu per tu con l'automobilismo sportivo.

F1: la Williams conferma il ritorno di Massa

F1: la Williams conferma il ritorno di Massa

Un ritiro che di fatto... non c'è mai stato: per sostituire Bottas approdato in Mercedes, la Williams sigla un contratto con il driver paulista.