Bmw: la gamma elettrificata “i” si amplierà con nuovi SUV

I vertici del marchio bavarese definiscono nuovi tasselli di espansione della lineup elettrificata: nuovi modelli da i1 a i9 e SUV-crossover da iX1 a iX9.

Bmw: la gamma elettrificata "i" si amplierà con nuovi SUV

Tutto su: BMW

di Francesco Giorgi

05 dicembre 2017

Sul taccuino delle priorità, fra i vertici Bmw, c’è l’ampliamento della attuale lineup a zero emissioni: un progetto che si concretizzerebbe attraverso il lancio di nuovi modelli e SUV di segmento, rispettivamente, inferiore e superiore rispetto alla gamma elettrificata già in listino, che si concentra su i3, i3S e i8 (quest’ultima, al Salone di Los Angeles, a sua volta presentata in edizione-restyling MY 2018 e nella nuova variante Roadster).

Nel dettaglio, evidenzia una nota di Automotive News che riporta una dichiarazione dell’amministratore delegato Harald Krueger formulata nelle scorse ore in occasione di un incontro-stampa a Monaco di Baviera, Bmw si è assicurata i diritti per l’utilizzo di sigle da i1 a i9 e da iX1 a iX9: ciò indicherebbe chiaramente come la futura produzione “all-electric” da parte del marchio bavarese sarà trasversale in rapporto ai segmenti di mercato. Il prefisso “i”, infatti, sottolinea berline compatte, modelli di alto di gamma e sportive; mentre con “X” Bmw contrassegna la propria produzione SUV. Da qui la possibilità che, in una prospettiva a breve-medio termine, nuovi “Sport Utility” a zero emissioni (appunto: “iX”) faranno parte della gamma elettrificata Bmw. A questo proposito, il numero uno Bmw anticipa che, “Nel 2020”, l’azienda lancerà “Una variante 100% elettrica di Bmw X3”: si chiamerà, molto probabilmente, Bmw iX3.

Bocche cucite sulle ulteriori declinazioni “zero-emission” che completeranno la lineup elettrificata Bmw, tuttavia è probabile che la futura ammiraglia elettrica assumerà il nome “i9”, e che verrà prodotta nelle linee di montaggio di Dingolfing dal 2021 (sarà una versione definitiva di iNext, la ammiraglia elettrica confermata lo scorso marzo in occasione della presentazione di i Next 100, la strategia di “new deal” per il marchio bavarese?). Di più: a considerare le corrispondenze di segmento, è altrettanto possibile che la futura Bmw i9 abbia una variante “Sport Utility-Crossover”, appunto Bmw iX9.

Sempre a Dingdolfing, da dove ci si attende la delibera della imminente Serie 8 Coupé chiamata a rinverdire la lineup sportiva di altissima gamma per il marchio bavarese, ci si aspetta lo sviluppo di una declinazione elettrica, o elettrificata, i8, così come una variante SUV-Crossover iX8. Staremo a vedere: è in ogni caso più che probabile, stando alle anticipazioni avanzate dallo stesso Harald Krueger, il lancio di una verisone high performance di Bmw serie 8, che assumerà il nome M8.

Tornando brevemente al futuro della gamma “Sport Utility” di Bmw, è possibile attendersi una espansione della lineup anche in questo caso corrispondente alle versioni elettrificate: ciò potrebbe significare che, oltre ad X7, nel futuro ci saranno due ulteriori SUV di segmento superiore, ovvero X8 ed X9. Il loro sviluppo, nell’ottica delle esigenze di mercato, sarebbe relativo ad alcuni Paesi che si stanno dimostrando particolarmente ricettivi verso i luxury-SUV, come USA e Cina, Russia e medio oriente. Per il momento, Krueger conferma che il 2018 sarà contrassegnato dal lancio di due nuovi Sport Utility, cioè X2 e X7 a sette posti, chiamati ad ampliare la gamma che comprende X1, X3, X4, X5 e X6.

Le prospettive di vendita indicate dai vertici Bmw per il 2018 appaiono ambiziose dal punto di vista della penetrazione nei mercati, tuttavia in linea con il maxi-programma di aggiornamento dell’engineering finalizzato allo sviluppo di 25 nuovi modelli a propulsione elettrificata (comprese alcune novità a tecnologia ibrida 48V e ibrida plug-in) entro il 2025, e comunicato da Krueger lo scorso settembre: si prospetta un monte-vendite nell’ordine di 150.000 unità, fra modelli elettrici ed ibridi plug-in: una volta e mezza le 100.000 vendite che i vertici bavaresi preventivano per il 2017. Per gli anni successivi, non vanno dimenticati, in ogni caso, la versione definitiva del prototipo i Vision Dynamics, svelato al Salone di Francoforte 2017, la attesa Mini Electric Concept (anch’essa presentata in anteprima all’IAA), il cui debutto sul mercato è previsto per il 2019; la  lineup sportiva M – della quale una prima anticipazione era stata comunicata ai taccuini di Autocar dal vicepresidente della Divisione M, Dirk Hacker – e il marchio di altissima gamma Rolls-Royce.

Da segnalare, sempre a proposito delle nuove strategie di sviluppo della propulsione elettrificata da parte di Bmw, il recente annuncio relativo alla creazione di un nuovo centro di ricerca sulle tecnologie delle batterie per l’alimentazione di veicoli elettrici.

Il nuovo “hub” tecnologico, dettagliato a fine novembre dai responsabili Ricerca e Sviluppo e Produzione Klaus Fröhlich ed Oliver Zipse, sarà inaugurato nel 2019 come gruppo di lavoro multidisciplinare: oltre alla ricerca nel settore delle celle di accumulo energia, la nuova struttura si occuperà anche di sviluppare la ricerca in ambito chimico, con l’obiettivo di migliorare in maniera costante le performance degli accumulatori riguardo al ciclo di vita, alle questioni legate alla sicurezza, ai tempi di ricarica e all’attenzione sui costi di produzione. Per la realizzazione del nuovo polo di ricerca sulle batterie, che contribuirà alla creazione di 200 nuovi posti di lavoro, è stato deciso un finanziamento da 200 milioni di euro da spalmare nei prossimi quattro anni.