Usa: ritorno di fiamma per il cambio manuale?

Interessante iniziativa amnericana dedicata al ritorno al cambio manuale: la pagina Facebook dell’iniziativa sottoscritta da migliaia di utenti

Usa: ritorno di fiamma per il cambio manuale?

di Andrea Barbieri Carones

05 agosto 2010

Interessante iniziativa amnericana dedicata al ritorno al cambio manuale: la pagina Facebook dell’iniziativa sottoscritta da migliaia di utenti

Una strada sulle montagne del Colorado o la californiana Interstate 1 che corre lungo la costa dell’Oceano Pacifico tra curve e panorami mozzafiato danno molta più soddisfazione al volante di un’auto col cambio manuale.

Nonostante negli Stati Uniti il totale delle “manuali” rappresenti poco meno del 10% delle vendite, sembra in crescita l’interesse che gli automobilisti a stelle e strisce mostrano per questo tipo di cambio, come si può vedere dalla pioggia di consensi calata sulla pagina di FacebookSave the manual.

L’appello “Salva il manuale” prende il via dalla decisione della Ferrari di non offrire questo tipo di cambio sulla 458 Italia, cosa che in Italia e in Europa è simile a un sacrilegio. “A noi piace cambiare le marce manualmente perché è parte integrante dell’esperienza di guida – sostiene la campagna – e pertanto non abbandoneremo il pedale della frizione“.[!BANNER]

Un ritorno alle origini per gli statunitensi? Un’inversione di rotta? L’appello, infatti, è stato raccolto dall’associazione consumatori Consumer Reports che ha detto che il cambio manuale farebbe consumare il 10% in meno rispetto un’automatica e almeno 7-800 euro sul prezzo di acquisto, anche se le moderne trasmissioni robotizzate sono state progettate in modo da ridurre il consumo.

No votes yet.
Please wait...