SsangYong LIV-2 Concept al Salone di Parigi 2016

SsangYong anticipa, nei primi render, le linee del prototipo LIV-2 per il Salone di Parigi: prefigurerà la nuova generazione di Rexton.

SsangYong LIV-2 Concept al Salone di Parigi 2016

di Francesco Giorgi

13 settembre 2016

SsangYong anticipa, nei primi render, le linee del prototipo LIV-2 per il Salone di Parigi: prefigurerà la nuova generazione di Rexton.

L’anteprima del nuovo corso stilistico per SsangYong farà bella mostra di se, nelle prossime settimane, all’imminente Salone di Parigi, che aprirà i battenti al pubblico sabato 1 per concludersi domenica 16 ottobre.

Al Mondial de l’Automobile 2016, il marchio coreano, recentemente proiettatosi verso un generale rinnovamento di gamma, esporrà in anteprima assoluta un prototipo chiamato a prefigurare i contenuti di immagine della nuova generazione dei Suv “premium”, segmento verso il quale SsangYong ha da sempre avuto una particolare attenzione.

La novità SsangYong di Parigi 2016 si chiama LIV-2 Concept, deriva nella filosofia progettuale da precedenti concept e – secondo quanto “captato” in queste ore dal Web – è destinato ad entrare in produzione (e, dunque, a debuttare in listino) già nel 2017, magari sempre con la denominazione Rexton, il che indicherebbe una linea di continuità con la “Sport Utility” di grandi dimensioni per SsangYong.

La concept SsangYong LIV-2 viene anticipata da alcuni render di anteprima che ne mettono in risalto la conformazione delle linee esterne. Si nota, a questo proposito, una certa somiglianza di disegn con il prototipo LIV-1 Concept (sigla che sta per “Limitless Interface Vehicle“) che venne esposto al Salone di Seoul 2013 e che si caratterizzava per il ricorso a linee “massicce” e marcate, da passaruota molto pronunciati e fanaleria anteriorre particolarmente sottile; nonché con la SIV-2 Concept presentata al Salone di Ginevra 2016.

Tutti questi stilemi, debitamente “aggiornati”, trovano conferma nella concept SsangYong LIV-2, a cominciare dalle dimensioni esterne piuttosto “importanti” (il confronto delle proporzioni, fra la concept del 2013 e le prime immagini del prototipo che vedremo a Parigi 2016, indicherebbe ingombri esterni sostanzialmente simili), come la lunghezza “fuori tutto” che sfiorava 4,9 m.

È da segnalare, nella LIV-2 Concept, un nuovo paraurti la cui forma appare rinnovata soprattutto nel disegno della fanaleria anteriore supplementare; e variazioni di dettaglio nella forma dei fanali posteriori. Confermato il disegno lineare e “forte” nello stesso tempo conferito alle fiancate (dove, peraltro, un’alternanza fra motivi squadrati e proposte più tondeggianti contribuisce a rendere maggiormente snella una impostazione generale del corpo vettura altrimenti più “granitica”); notevole lo sbalzo posteriore – particolare che, se non propriamente indicato per cimentarsi nel fuoristrada impegnativo, contribuisce a mantenere elevate l’abitabilità a bordo (l’abitacolo, nei disegni preliminari, dovrebbe essere per quattro persone, ma è molto probabile che in una futura gamma di produzione possa ampliarsi fino a sette posti)  e la capacità di carico.

Da notare, nell’anticipazione grafica dell’abitacolo, la presenza di un grande display touch collocato nella zona superiore della consolle centrale e, a partire da quest’ultima, un vistoso tunnel che separa di fatto i quattro sedili: una soluzione che, tuttavia, dovrebbe essere sostituita in chiave di produzione con, appunto, una più idonea (per le finalità della vettura) configurazione a tre file di sedili.

Riguardo all’impostazione meccatronica, la SsangYong LIV-2 (che si potrebbe già chiamare “Rexton MY 2017”) dovrebbe essere equipaggiata con due varianti di motorizzazione (“ovviamente” Euro 6), equamente suddivise fra il 2.0 Gdi a benzina, sovralimentato mediante turbocompressore, e il 2.2 turbodiesel.

No votes yet.
Please wait...