Una GM in riparazione? L'auto di cortesia è Buick

Negli Stati Uniti, chi porterà a riparare dal concessionario una vettura General Motors avrà diritto ad un'auto di cortesia Buick

Quale miglior mezzo promozionale se non far provare il meglio della propria produzione ai clienti che portano il proprio veicolo nelle officine per l'assistenza? Ecco la filosofia di General Motors e di Buick in particolare, che negli Stati Uniti ha avviato un programma di questo tipo.

Chi porta dal concessionario una qualsiasi auto della GM per il tagliando o per una riparazione, riceverà come auto di cortesia, per 24 o 48 ore, un modello del brand di alta gamma Buick. Fino a oggi questo privilegio era riservato solo ai clienti vip o ai proprietari di auto di lusso.

L'obiettivo dell'intero gruppo, che durante la bancarotta degli anni passati aveva perso (o rischia ancora oggi) i brand di alto livello Pontiac, Hummer, Saab e Saturn, è quello di fidelizzare i propri clienti GM, comunicando loro che a Detroit si fabbricano ancora auto pretenziose.

"E la Buick fa al caso nostro" ha dichiarato un portavoce. Tra la Regal, la grande berlina LaCrosse e il crossover Enclave, i top manager del costruttore sanno di avere a disposizione molti modelli da "esibire" al pubblico.

Se vuoi aggiornamenti su UNA GM IN RIPARAZIONE? L'AUTO DI CORTESIA È BUICK inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 12 ottobre 2010

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.