Cambio al vertice di Volkswagen Italia

Massimo Nordio ricoprirà la carica di Direttore del marchio Volkswagen, prendendo il posto di Massimo Mazza

A partire dal 1° dicembre 2009 Massimo Nordio sarà il nuovo Direttore di Volkswagen Italia. Il manager sostituisce l'uscente Massimo Mazza che, dopo 28 anni di lavoro all'interno del gruppo tedesco, ha deciso di lasciare di propria volontà l'azienda con sede a Verona per assumere la guida di una concessionaria di auto rivenditrice dei brand VW, Audi e Porsche.

Nel nuovo ruolo il manager farà riferimento all'AD di Volkswagen Italia Giuseppe Tartaglione. Nordio, 51 anni, è laureato in Economia e Commercio presso la Luiss di Roma. Dopo diverse esperienze professionali maturate come Direttore Public relations, Direttore Marketing e in qualità di Direttore Vendite in Ford Italia, è approdato nel 1997 alla Toyota Motor Italia, dove ha ricoperto nell'ordine l'incarico di Direttore Commerciale, Vice Presidente e Amministratore Delegato per le vendite delle marche Toyota e del brand di lusso della Casa giapponese Lexus.

Nell'aprile del 2008 è passato in Toyota Motor Europe nella sede di Bruxelles, diventando Vice Presidente con la responsabilità per l'Europa per il Post-Vendita, Logistica Ricambi e la Soddisfazione del cliente.

Se vuoi aggiornamenti su VOLKSWAGEN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 18 novembre 2009

Altro su Volkswagen

Volkswagen: altri 4,3 miliardi di dollari per il dieselgate
Attualità

Volkswagen: altri 4,3 miliardi di dollari per il dieselgate

Dopo i 15 miliardi di giugno altri 4,3 miliardi per uscire dallo scandalo

Volkswagen Tiguan Allspace: debutta al Salone di Detroit
Anteprime

Volkswagen Tiguan Allspace: debutta al Salone di Detroit

Al NAIAS l'inedita versione a passo lungo e tre file di sedili che prepara il debutto negli Usa della Tiguan recentemente rinnovata in Europa.

Volkswagen ID Buzz Concept al Salone di Detroit 2017
Concept

Volkswagen ID Buzz Concept al Salone di Detroit 2017

L’erede spirituale del mitico Bulli vanta una sofisticata meccanica elettrica e risulta dotato dell’ormai immancabile guida autonoma.