Pedaggi autostradali: i nuovi aumenti del 2016

Con l’arrivo del nuovo anno, giungono puntuali i pesanti aumenti tariffari dedicati alle tratte autostradali del nostro Paese.

Con l'inizio del nuovo anno arrivano puntualissimi gli aumenti dedicati ai pedaggi autostradali del nostro paese.  A partire dal 1° gennaio 2016 sono diventati operativi gli adeguamenti delle tariffe per i tracciati autostradali che registrano un aumento medio dello 0,86%.

Secondo la nota ufficiale diffusa dal Ministero dei trasporti e delle infrastrutture,  gli aumenti del 2016 dedicati alle autostrade  riguardano solo 6 delle 26 tratte affidate in concessione. Ma analizzando nel dettaglio le informazioni, purtroppo si scopre che la batosta finanziaria è ben più pesante di quanto si immagini, come dimostra l'aumento effettuato da Autostrade per l'Italia SPA che controlla la maggior parte dei tratti autostradali, senza dimenticare l'aumento effettuato dalla Società Satap A4 e di quello di Strada dei Parchi S.p.A.

Il dettaglio degli aumenti risultano i seguenti: ATIVA S.p.A. 0,03%; Autostrade per l'Italia S.p.A. 1,09%; SATAP Tronco A4 S.p.A. 6,50%; Strada dei Parchi S.p.A. 3,45%;TEEM 2,10% e Pedemontana Lombarda 1,00%.

Se vuoi aggiornamenti su PEDAGGI AUTOSTRADALI: I NUOVI AUMENTI DEL 2016 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 04 gennaio 2016

Vedi anche

Uber: i programmi per il futuro della guida autonoma

Uber: i programmi per il futuro della guida autonoma

Sta per partire a Pittsburgh il primo esperimento di taxi da App, con Volvo che metterà a disposizione una flotta di XC90 a guida autonoma.

Volkswagen, via all

Volkswagen, via all'accordo: riprende la produzione di Golf e Passat

Trovata l'intesa con CarTrim ed ES Automobilguss per la fornitura di componenti interrotta nei giorni scorsi. Gli impianti ripartono.

Volkswagen: ferma per una settimana la produzione Golf

Volkswagen: ferma per una settimana la produzione Golf

Due aziende dell'indotto accusano VW di avere cancellato improvvisamente un monte ordinazioni per 500 milioni di euro: sei impianti fermi.