Pedaggi autostradali: i nuovi aumenti del 2016

Con l’arrivo del nuovo anno, giungono puntuali i pesanti aumenti tariffari dedicati alle tratte autostradali del nostro Paese.

Con l'inizio del nuovo anno arrivano puntualissimi gli aumenti dedicati ai pedaggi autostradali del nostro paese.  A partire dal 1° gennaio 2016 sono diventati operativi gli adeguamenti delle tariffe per i tracciati autostradali che registrano un aumento medio dello 0,86%.

Secondo la nota ufficiale diffusa dal Ministero dei trasporti e delle infrastrutture,  gli aumenti del 2016 dedicati alle autostrade  riguardano solo 6 delle 26 tratte affidate in concessione. Ma analizzando nel dettaglio le informazioni, purtroppo si scopre che la batosta finanziaria è ben più pesante di quanto si immagini, come dimostra l'aumento effettuato da Autostrade per l'Italia SPA che controlla la maggior parte dei tratti autostradali, senza dimenticare l'aumento effettuato dalla Società Satap A4 e di quello di Strada dei Parchi S.p.A.

Il dettaglio degli aumenti risultano i seguenti: ATIVA S.p.A. 0,03%; Autostrade per l'Italia S.p.A. 1,09%; SATAP Tronco A4 S.p.A. 6,50%; Strada dei Parchi S.p.A. 3,45%;TEEM 2,10% e Pedemontana Lombarda 1,00%.

Se vuoi aggiornamenti su PEDAGGI AUTOSTRADALI: I NUOVI AUMENTI DEL 2016 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 04 gennaio 2016

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.