Semaforo giallo a 3 secondi: multe e polemiche in arrivo

La decisione della Cassazione di legittimare la durata del semaforo giallo ad almeno tre secondi ha dato il via a numerose polemiche.

Una sentenza della Cassazione ha aperto un forte e acceso dibattito presso buona parte degli automobilisti italiani. Motivo della discussione è la decisione della Corte suprema di legittimare l'abbassamento della durata del semaforo giallo fino a 3 secondi, ritenendo evidentemente congruo questo lasso di tempo per poter frenare la corsa del veicolo prima che sopraggiunga il rosso. 

Con la sentenza n.27348/2014, infatti, la Cassazione ha dato il via libera alla Circolare del Ministero dei Trasporti n. 67906/2007 che fissa a non meno di 3 secondi la durata della luce gialla per i semafori piazzati sulle strade italiane. Secondo la Corte, 3 secondi corrispondono esattamente al tempo richiesto per fermarsi da una velocità di 50 km/h, ovvero il limite massimo permesso dal Codice della Strada sui percorsi urbani. 

Questo significa che le amministrazioni locali saranno autorizzate ad impostare la durata del semaforo giallo a 3 secondi e che tutte le multe erogate in presenza di tale impostazione saranno legittime

Immediate si sono levate le polemiche e le accuse di molti automobilisti, che hanno visto fin da subito in questa decisione l'ennesimo provvedimento mirato a consentire agli enti locali di far cassa. Il problema è dovuto al fatto che, nonostante vi sia una legge del 2010 che obbliga le amministrazioni a reinvestire i proventi delle multe in misure per la sicurezza stradale, manca un decreto attuativo e, pertanto, comuni e province possono usare le somme incassate dalle contravvenzioni per risollevare i rispettivi bilanci, il tutto sulle spalle dei cittadini. 

Al di là dell'aspetto puramente economico che potrebbe pesare sensibilmente sugli automobilisti, a far riflettere è anche il risvolto legato alla sicurezza. Secondo uno studio del CNR, infatti, 3 secondi sono sufficienti per arrestare in tempo una vettura o comunque un veicolo leggero, mentre per i mezzi pesanti come autobus, autoarticolati e autosnodati l'arresto completo da una velocità di 50 km/h richiede almeno 4 secondi

Si ha quindi l'impressione che l'ennesima inefficienza dell'apparato legislativo e burocratico italiani andrà ad incidere sulla sicurezza e sulle tasche degli automobilisti, aggiungendosi alla serie di decisioni che non aiutano certo la percezione di uno Stato efficiente e "giusto" da parte della popolazione.

Se vuoi aggiornamenti su SEMAFORO GIALLO A 3 SECONDI: MULTE E POLEMICHE IN ARRIVO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 14 gennaio 2015

Vedi anche

Guida autonoma: grave incidente per una Google Car

Guida autonoma: grave incidente per una Google Car

Un'auto a guida autonoma di Google è stata protagonista di un incidente a Mountain View.

Tommy 2.0, il dissuasore che protegge i parcheggi per i disabili

Tommy 2.0, il dissuasore che protegge i parcheggi per i disabili

Ideato dal giornalista Gianluca Nicoletti, questo geniale dispositivo dovrebbe presto diffondersi sulle strade del 1° Municipio di Roma.

Apple punta alla McLaren, ma la Casa di Woking smentisce

Apple punta alla McLaren, ma la Casa di Woking smentisce

L'azienda di Cupertino potrebbe acquisire la McLaren per usufruire delle sue tecnologie e puntare alla guida autonoma.