Giugiaro lascia l’Italdesign e l’azienda diventa tedesca

Il celebre design italiano lascia le redini dell’azienda da lui fondata, passando la proprietà in mano ai tedeschi della Volskwagen.

Italdesign Giugiaro Parcour

Altre foto »

La notizia era nell'aria da tempo, ma solo adesso è arrivata la comunicazione ufficiale: Giorgetto Giugiaro lascia la guida dell'Italdesign,  il centro stile automotive da lui fondato ed entrato da qualche anno a far parte dell'orbita Volskwagen. Giugiaro, che fra poche settimane compirà 77 anni, ha lasciato la carica di Presidente onorario dell'azienda di Moncalieri, in provincia di Torino, passando la guida della società all'Audi che fa parte del Gruppo Volkswagen.

Nella nota ufficiale diramata dall'Italdesign si precisa che la decisione di Giugiaro  è stata presa "per dedicarsi maggiormente alle proprie passioni e interessi personali. La decisione coincide con il sessantesimo anniversario di attività nel settore del car design" . anche Fabrizio Giugiaro, figlio di Giorgetto, lascia il consiglio di amministrazione dell'azienda. Indiscrezioni - ovviamente non confermate -  parlano di un possibile allontanamento dei Giugiaro a causa dello scontro avvenuto tra  l'amministratore delegato di Volkswagen, Martin Winterkorn, con  il presidente del consiglio di sorveglianza del Gruppo teutonico, Ferdinand Piech, che ha provocato la successiva uscita di scena di quest'ultimo.

La storia e il contributo al settore automotive di Giorgetto Giugiaro sono a dir poco straordinari. Nell'ormai lontano 1968, Giugiaro fondò  insieme all'amico Aldo Mantovani l'azienda Italdesign Giugiaro, capace di sfornare nel corso degli anni un capolavoro di stile dopo l'altro. La prima "opera" fu l'Alfasud del 1971, seguita da enormi successi del calibro di Fiat Panda, Lancia Delta, Volskwagen Golf, senza dimenticare le innumerevoli concept-car realizzate dall'atelier  torinese. In sessant'anni di onorata carriera, la factory italian ha disegnato la linea di oltre 200 modelli che si sono tramutati in oltre 60 milioni di automobili di serie distribuite in  tutto il mondo.

Nel 2010, il pacchetto azionario di maggioranza della Italdesign è stato ceduto al Gruppo Volkswagen, mentre ora anche il restante  9,9% di azioni detenuto da Giugiaro risulta passato nelle mani della Casa di Wolfsburg. Attualmente la società gode di ottima salute: nel 2010 sono stati assunte ben 200 persone e nel prossimo futuro il numero è destinato a crescere con l'entrata di altre 50 nuove figure professionali. Giorgetto Giugiaro lascia quindi un eredita molto importante per il settore automotive, come dimostrano i numerosi premi e onorificenze conquistate nel corso degli anni, tra cui  sette lauree ad honorem, sei Compassi d'Oro, tre Auto dell'Anno, due Volanti d'Oro, senza dimenticare il premio ricevuto nel  1999 a Las Vegas, come  "Car Designer del Secolo", giusto coronamento di una carriera senza eguali.

Se vuoi aggiornamenti su GIUGIARO LASCIA L’ITALDESIGN E L’AZIENDA DIVENTA TEDESCA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 03 luglio 2015

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.