Carburanti: la benzina torna sotto i 2 euro

Cala il prezzo delle materie prime sui mercati internazionali e dopo lo sconto di Eni segue quello su tutta la rete. Ulteriori ribassi nel weekend.

Ha iniziato nella giornata di ieri Eni con ribassi di 2,5 centesimi sulla verde e di 2 sul diesel e di seguito il calo dei prezzi del carburante su tutta la rete nazionale nei distributori Totalerg, Esso, IP e Q8 con una riduzione equivalente; un po' più lieve (-1 centesimo) per Shell e Tamoil.

È la prima volta dal 22 agosto che la benzina in modalità "servito" scende sotto i 2 euro e nel weekend i prezzi dovrebbero subire un calo generale grazie al forte ribasso della materia prima sui mercati internazionali. Secondo l'indagine di Quotidiano Energia la media sul territorio è di 1,918 euro/litro per la benzina, 1,805 per il gasolio e 0,817 per il gpl.

Nel dettaglio, il prezzo della verde in modalità "servito" è tra 1,900 euro/litro di Eni e 1,918 di Tamoil, con il no logo a 1,778; per il diesel si va da 1,799 euro/litro per Eni a 1,805 di Tamoil, con no logo a quota 1,683; il gpl varia dallo 0,803 euro/litro di Esso e Ip allo 0,817 di Eni, con i distributori no logo a 0,794.

Se vuoi aggiornamenti su CARBURANTI: LA BENZINA TORNA SOTTO I 2 EURO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Eleonora D'Uffizi | 21 settembre 2012

Vedi anche

Rc Auto, verifiche da remoto con il tutor: operazione possibile

Rc Auto, verifiche da remoto con il tutor: operazione possibile

Ai 70 anni di Polstrada, il comandante Giuseppe Bisogno annuncia che i controlli sono tecnicamente fattibili; ora occorre aggiornare il CdS.

Lancia: il marchio sarà venduto ai cinesi di GAC?

Lancia: il marchio sarà venduto ai cinesi di GAC?

Indiscrezioni provenienti dai media brasiliani parlano di una possibile cessione di Lancia ai cinesi del colosso GAC.

Salone di Francoforte 2017: non ci saranno Fca, Psa e Nissan

Salone di Francoforte 2017: non ci saranno Fca, Psa e Nissan

Una indiscrezione Web indica che l’IAA 2017 farà a meno di Fca (ma non Ferrari e Maserati), DS e Peugeot, Nissan e Infiniti, Mitsubishi e Volvo.