Bmw interessata all'acquisto di Saab

Secondo indiscrezioni, Bmw sarebbe interessata a rilevare il costruttore auto svedese Saab, che ha chiesto istanza di fallimento.

Nuova Saab 9-4X

Altre foto »

Se la Saab non diventerà cinese, potrebbe diventare tedesca. Le notizie in merito al destino del costruttore svedese si rincorrono e cambiano di settimana in settimana: se nei mesi scorsi sembrava quasi fatta per il passaggio a 2 aziende orientali, ora prende corpo l'ipotesi Bmw, che pare l'abbia spuntata sulla rivale Volkswagen, che sembrava nutrisse un certo interesse verso l'azienda scandinava.

Durante una conferenza degli amministratori fallimentari Saab, è trapelato che fra le "6 o 7 aziende interessate a Saab" ce ne sarebbe una con sede a Monaco di Baviera. Il che equivale a dire Bmw.

Intanto dal quartier generale nella città del Bayern, nulla è stato confermato né smentito visto che l'acquisizione potrebbe essere un affare molto delicato per l'azienda che, nel tentativo di rilanciare il brand Saab, potrebbe intaccare la propria credibilità (oltre che liquidità) e il proprio posizionamento sul mercato.

Del resto Bmw non è nuova ad "esperienze" del genere, avendo rilanciato con esito positivo i marchi Rolls-Royce e Mini, ma senza senza successo il brand Rover.

Se vuoi aggiornamenti su BMW INTERESSATA ALL'ACQUISTO DI SAAB inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 22 febbraio 2012

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.