Assicurazioni auto: occhio alle compagnie fantasma

L’Isvap mette in guardia gli automobilisti dal sottoscrivere polizze d’assicurazione rc auto con compagnie fantasma.

Assicurazioni auto: occhio alle compagnie fantasma

di Andrea Barbieri Carones

07 dicembre 2011

L’Isvap mette in guardia gli automobilisti dal sottoscrivere polizze d’assicurazione rc auto con compagnie fantasma.

L’Isvap ha messo in guardia i consumatori italiani sul fatto che ci sono sul mercato delle compagnie di assicurazione che non hanno l’autorizzazione a operare in Italia.

L’istituto per la vigilanza nel settore suggerisce agli automobilisti che hanno un sottoscritto un contratto con una di queste compagnie di ritenerlo nullo e a rivolgersi alle autorità. Di seguito riportiamo i casi delle ultime due assicurazioni segnalate come irregolari.

Skandia Insurance

L’Isvap segnala come illegale la Skandia Insurance, che avrebbe commercializzato sul territorio italiano polizze rc auto senza averne facoltà. “Ciò che potrebbe trarre in inganno gli automobilisti – spiega una nota Isvap – è che i documenti assicurativi contraffatti riportano la denominazione di Skandia Vita spa, azienda italiana che ha autorizzazione a operare nel Paese solo nel settore Vita”.

Bisogna ricordare anche che la sottoscrizione di un contratto rc auto con tale compagnia non è valido e, pertanto, si rischia di utilizzare il proprio veicolo senza essere assicurati, rischiando di vedersi sequestrato il veicolo e di dover pagare una contravvenzione molto elevata.

London General Insurance

L’istituto di vigilanza ha comunicato che anche la London General Insurance Company S.A non è autorizzata a operare in Italia: sono infatti giunte segnalazioni che anche questa compagnia avrebbe sottoscritto contratti di copertura per il ramo auto che, invece, sono nulli. In questo caso, i consumatori potrebbero confondersi con la London General Insurance Company Limited, azienda inglese che comunque opera Italia in settori non correlati con l’automotive.