Porsche: a Detroit un nuovo modello a sorpresa

Dopo 4 anni di assenza la Casa di Zuffenhausen ritorna al NAIAS di Detroit con una misteriosa sorpresa definita "spettacolare".

Porsche 918 Spyder

Altre foto »

Il Salone di Detroit in programma dal 4 al 12 gennaio 2011, vedrà il ritorno del marchio Porsche dopo ben 4 anni di assenza dall'evento americano e per l'occasione presenterà un nuovo modello definito dallo stesso Costruttore una "sorpresa spettacolare".

Ad affermarlo è il portavoce Hans-Gerd Bode che in un intervista ha lasciato intendere che la nuova concept-car potrebbe essere una "via di mezzo" tra la futura 911 e la sportivissima 918 Spyder, a sua volta annunciata dal Presidente Matthias Muller in una precedente intervista.

Tra le varie ipotesi prese in considerazione, quella più affascinante riguarda una nuova sportiva - chiamata 929 - che dovrebbe sfruttare pianale e schema ibrido della 918 Spyder.

In questo caso il condizionale è d'obbligo visto che il marchio Porsche per raggiungere l'ambizioso obiettivo di 150.000 unità prodotte all'anno, presenterà nei prossimi anni numerosi modelli tra cui il crossover Cajun, la coupé 928 e la piccola spider soprannominata "baby Boxster".

Se vuoi aggiornamenti su PORSCHE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 06 dicembre 2010

Altro su Porsche

Porsche 911 Carrera GTS: pronta al debutto
Anteprime

Porsche 911 Carrera GTS: pronta al debutto

Cinque declinazioni su base Coupé, Cabriolet e Targa; 450 CV a trazione posteriore e integrale; fino a 312 km/h e prezzi da 124.451 euro.

Porsche Panamera Turbo: nuova serie speciale Exclusive
Anteprime

Porsche Panamera Turbo: nuova serie speciale Exclusive

Il reparto Exclusive della Casa tedesca ha realizzato una speciale Panamera personalizzata fino all’ultimo dettaglio più esclusivo.

Porsche 911 Turbo S Cabrio by Wimmer: roadster da 840 cv
Tuning

Porsche 911 Turbo S Cabrio by Wimmer: roadster da 840 cv

Poche concessioni al corpo vettura: l'attenzione è tutta rivolta al 6 cilindri boxer, che ha ricevuto un'elaborazione praticamente "da corsa".